Calciomercato Inter e Milan, Carrasco rivela il suo futuro: è ancora derby, la situazione

Calciomercato Inter e Milan, si riaccende il derby per Carrasco: la situazione

Ferreira Carrasco Belgio
Carrasco (Getty Images)

L’annuncio di Carrasco sulla volontà di tornare in Europa ha riacceso il derby di mercato tra Milan e Inter, che in estate torneranno sul belga

Milan e Inter non hanno dimenticato Yannick Carrasco. Il belga in forza ai cinesi del Dalian Yifang è stato l’obiettivo primario dei nerazzurri nel mercato di gennaio, nell’ottica di sostituire Perisic che aveva chiesto la cessione. L’esterno classe ’93, dopo l’avventura all’Atletico Madrid, ha scelto la ricca offerta cinese ma ora ha voglia di tornare nel calcio che conta:Mi piacerebbe tornare in Europa. Molte squadre erano interessate a me quest’inverno, stavamo cercando una soluzione ma capisco il club. Hanno voluto che restassi”, le sue parole al portale belga Het Laatste Nieuws. Per il Dalian, però, sarà complicato trattenere Carrasco ancora a lungo: Inter e Milan, dopo i contatti degli scorsi mesi, sono pronti a tornare all’attacco con decisione.

Per tutte le notizie di mercato CLICCA QUI!

Calciomercato Inter, Carrasco sempre in cima per il dopo-Perisic

In inverno Carrasco è stato molto vicino all’Inter, che lo aveva individuati come erede di Perisic. Il croato aveva chiesto la cessione, l’Arsenal era pronto ad accoglierlo ma poi non se è più fatto nulla. A giugno la grana esterni si riproporrà più attuale che mai in casa nerazzurra: Perisic, che pure ha ritrovato una buona forma e sta crescendo nelle ultime partite, dovrebbe comunque partire. Il ciclo all’Inter si è chiuso, la Premier lo aspetta. Da sciogliere anche il nodo Keita, in prestito dal Monaco con un’opzione di riscatto da ben 34 milioni di euro. C’è la volontà comunque di proseguire il rapporto, ma i nerazzurri sono condizionati dall’eventuale sconto dei monegaschi sulla cifra pattuita, altrimenti non rimarrà neanche il senegalese. Anche Antonio Candreva, ai ferri corti anche con la tifoseria, ha più di qualche chance di partire: in Italia potrebbe fare comodo a diverse squadre, a gennaio si era parlato proprio di uno scambio con Carrasco che lo avrebbe portato al Dalian. Il tempo dirà se l’ipotesi può tornare d’attualità. Rientrerà Karamoh, che però al Bordeaux ha vissuto una stagione travagliata soprattutto per i comportamenti fuori dal campo. Potrebbe restare quindi praticamente solo Politano, che sarà riscattato dal Sassuolo. L’Inter può mettere da parte un tesoretto importante dalle cessioni, necessario per finforzarsi sulle fasce. E Carrasco resta uno dei preferiti, anche perché può giocare su entrambe le fasce. E calcolando anche l’esborso economico che non sarebbbe eccessivo.

Calciomercato Milan, piace Carrasco: rischiano Suso e Calhanoglu

Più stabile la situazione del Milan sugli esterni, anche se soprattutto sulla sinistra si cerca un rinforzo. Proprio come Carrasco. In questo caso per far posto al belga ex Atletico potrebbe doversi concretizzare prima una cessione importante. In quel ruolo sta giocando Hakan Calhanoglu, reduce da un periodo nero in cui le voci di mercato si erano fatte sempre più pressanti. In particolare quelle sul suo possibile ritorno in Bundesliga e l’interesse del Lipsia. Il turco ha tenuto duro e ora sta raccogliendo i frutti, tornando un giocatore importante per Gattuso che ora prima di lasciarlo andare ci penserà bene, non una ma dieci volte. Non solo, Calhanoglu sembra davvero rinato e di nuovo completamente dentro la causa rossonera. In fase discendente, invece, la parabola di Suso a San Siro: lo spagnolo non riesce più a trovare il gol, nel derby è stato un fantasma. Ma il rapporto con la società resta buono, c’è stima e affetto da entrambe le parti. Sia per lui che per Calhanoglu, però, servirà un’offerta molto convincente. Così come ci sarà bisogno che il Milan centri la Champions per, eventualmente trattenere i titolari e aggiungere anche il belga. Che ovviamente dovrebbe accettare la concorrenza. Borini e Castillejo, in questo caso, partirebbero ancora più indietro nelle gerarchie, anche se Calhanoglu ha spesso agito anche sulla linea dei centrocampisti.

F.I.