Home News Italia, Belotti-Immobile: amici e rivali per una maglia

Italia, Belotti-Immobile: amici e rivali per una maglia

ULTIMO AGGIORNAMENTO 15:55
CONDIVIDI
Ciro Immobile Andrea Belotti Italia (Getty Images)
Ciro Immobile Andrea Belotti Italia (Getty Images)

In casa azzurra resta d’attualità il dualismo per la maglia da centravanti. Da una parte Belotti, dall’altra l’amico Immobile  

Con il pass già in tasca, l’Italia stasera è ospite della Bosnia nel penultimo match di qualificazione agli Europei. Al centro dell’attacco dovrebbe essersi Belotti, mentre lunedì nell’ultima sfida contro Armenia toccherà a Immobile. L’alternanza continua e con molta probabilità continuerà fino alla rassegna continentale che sarà itinerante, con match inaugurale a Roma. Tra i due c’è una sana rivalità e non potrebbe essere altrimenti vista la profonda amicizia che li lega sin dai tempi del Torino. Sotto il profilo tattico forse il “Gallo” ha adatte alle idee del ct Mancini, essendo un centravanti che fa salire la squadra e partecipa alla manovra. L’attaccante della Lazio, in questo momento leader della classifica cannonieri in Serie A, è un giocatore più di corsa, bravo a verticalizzare.

Leggi anche – Italia, il 13 novembre di 2 anni fa l’eliminazione dal Mondiale contro la Svezia – VIDEO

Leggi anche – Italia, Mancini come Pozzo: ecco la rivoluzione vincente del ct

Italia, i numeri dei rivali-amici Belotti e Immobile

Ciro Immobile Andrea Belotti Italia (Getty Images)

Il centravanti del Torino, 25 anni, ha indossato la maglia azzurra 26 volte, contro le 38 del 29enne giocatore della Lazio. Entrambi hanno messo a segno 8 gol, con Mancini il Gallo a rete 4 volte, una Ciro. I due non possono giocare insieme con l’Italia, nel 4-3-3 del ct è contemplato un attacco con un centravanti e due esterni. In passato si ricordano diversi dualismi in azzurro: da Anastasi-Boninsegna degli anni ’70 fino a Toni-Gilardino ai Mondilai vinti nel 2006, passando per Vialli-Baggio e Vieri-Inzaghi. Nella trionfale rassegna iridata dell’82, invece, riuscirono a giocare insieme Rossi e Graziani, complice l’infortunio di Bettega.

Leggi anche – Italia, Mancini come Pozzo: ecco la rivoluzione vincente del ct

Q.G.