Home Mercato Milan Milan, Ibrahimovic: nel passato rossonero non solo successi

Milan, Ibrahimovic: nel passato rossonero non solo successi

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:01
CONDIVIDI

In vista del prossimo mercato di gennaio, tiene banco il possibile ritorno di Ibrahimovic al Milan. In passato lo svedese ha militato due anni intensi con i rossoneri

Zlatan Ibrahimovic (Getty Images)

Ibrahimovic al Milan. Fino a qualche settimana fa sembra solo una suggestione. Ora le possibilità che lo svedese torni a vestire di nuovo la maglia rossonera sono concrete. I primi contatti tra l’agente del giocatore Raiola e la dirigenza rossonera ci sono stati. Come spesso accade, la decisione finale spetta al diretto interessato. Ibra ha 38 anni, ma fisicamente è integro e in grado di giocare ancora a ottimi livelli per sei mesi e forse più. I tifosi del Milan sognano chi in passato è stato protagonista di due anni vincenti. L’attaccante svedese sbarca a Milanello ad agosto 2010, in prestito dal Barcellona (riscattato l’anno dopo), con cui conquista la Liga, ma lascia anche per il suo rapporto con Guardiola tutt’altro che idilliaco. Con Allegri in panchina, in rossonero Ibrahimovic trascorre due anni, conditi da uno scudetto e una Supercoppa Italiana. Sotto il profilo personale, sono 85 le presenze e 56 i gol: nella seconda stagione mette a segno 28 reti in campionato, che gli valgono il titolo di capocannoniere.

Leggi anche – Calciomercato Milan, spunta lo scambio con il Napoli

Leggi anche – Milan-Napoli, ESCLUSIVO Iezzo: “Donnarumma o Meret? Impossibile scegliere”

Milan, Ibrahimovic un campione esuberante

Zlatan Ibrahimovic (Getty Images)

Gol a parte, il gigante svedese era anche un uomo assist. Accanto a lui segnavano tutti, non solo i partner d’attacco, ma anche i centrocampisti, uno su tutti Nocerino. Il periodo rossonero è stato felice per Ibrahimovic, ma non sono mancati episodi di tensione, complice il carattere furioso del giocatore, a volte addirittura ingombrante, come aveva dimostrato ai tempi dell’Ajax e in Nazionale. Al Milan si ricordano due episodi. In primis la rissa con Onywu durante un allenamento, con Gattuso impegnato a dividere i due. Poi, come raccontato da Zambrotta in una sua biografia, la lite con Allegri negli spogliatoi dopo una sconfitta in Champions League contro l’Arsenal. Ibrahimovic è anche questo: prendere o lasciare.

Potrebbe interessarti anche – Calciomercato Milan, ritorno di fiamma in attacco: le ultime

Potrebbe interessarti anche – Calciomercato Milan, non solo Ibra: contatto con Llorente, ma…

Q.G.