Emergenza coronavirus | Serie A, dichiarazione shock di Ranieri

L’emergenza coronavirus ha colpito il mondo del calcio. Arrivano le preoccupazioni del tecnico riguardo una possibile ripresa

Pallone Serie A (Getty Images)

Si vive una situazione difficile nel mondo a causa dell’emergenza coronavirus. Le difficoltà sono arrivate anche nel calcio e in quasi tutto il mondo non si gioca più da ormai un mese. In Serie A, l’ultima giornata disputata è stata quella dell’8 e 9 marzo scorso, dopo di che lo sport più seguito al mondo si è fermato a tempo indeterminato.

LEGGI ANCHE >>> Calciomercato Inter, scambio folle | 70 milioni più un giocatore

È difficile ad oggi ipotizzare una data stabilire quando il pallone tornerà a rotolare in maniera decisa. Nel frattempo, le varie società e gli addetti ai lavori sono divisi riguardo la possibile scelta di riprendere la stagione in corso.

LEGGI ANCHE >>> Inter e Juventus, bomba dalla Spagna | Via libera Kante!

Sampdoria, Ranieri: “Ok ripartire, ma i calciatori devono essere tutelati”

ranieri sampdoria
ranieri @ getty images

A parlare di questo difficile momento è il tecnico della Sampdoria Claudio Ranieri, intervenuto questa mattina ai microfoni di Radio Rai, nel corso della trasmissione “Radio Anch’io”. Ecco le sue parole: “Sentire le notizie dei miei ragazzi colpiti dal virus non è stato piacevole. Ora si stanno riprendendo e questa è la cosa più importante”.

LEGGI ANCHE >>> Calciomercato Juve e Inter, colpo Ferran Torres | Prima offerta ufficiale!

Ripresa del campionato: “Sono d’accordo con tutto, ma il campionato è ormai falsato. Arriviamo da un vero e proprio stop e ci sarà chi tornerà più forte di prima e chi no. È come se si partisse da zero, è difficile sapere cosa accadrà se si dovesse tornare in campo. Certo, meglio giocare che non farlo perché sarebbe ingiusto non assegnare sul campo la salvezza o lo scudetto. Ma in ogni caso si tratterebbe di campionato falsato“.

Ranieri allenatore Roma
Claudio Ranieri (Getty Images)

Rischi: “In Inghilterra vogliono introdurre i 5 cambi per tutelare i calciatori. Alcuni ragazzi, una volta guariti, sono tornati positivi al virus quando hanno ripreso ad allenarsi. E in più ci potrebbero essere dei problemi al cuore: secondo me è troppo rischioso far giocare gli atleti appena guariti per tre volte in una settimana”.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE:

Calciomercato Inter, addio Sanchez | Sostituto in Serie A

Serie A, Cellino categorico: “Se si riparte, il Brescia non scenderà in campo”