Coppa Italia, semifinale: inizio di un mese col botto per Napoli ed Atalanta

Dopo un gennaio ricco di gare, anche febbraio comincia con una serie di partite ravvicinate tra campionato e Coppa. Per le italiane, non c’è tempo di riposarsi: dopo il turno di Serie A per Napoli e Atalanta è già tempo di pensare al prossimo impegno. Mercoledì alle 20:45 allo stadio Maradona di Napoli si giocherà infatti la prima semifinale di andata di Coppa Italia.

Le due squadre arrivano piuttosto affaticate all’incontro. I padroni di casa hanno sconfitto nell’ultimo turno di Coppa lo Spezia per 4-2, evidenziando però importanti lacune nel finale in cui gli azzurri hanno concesso ai liguri la parziale rimonta. Mertens in particolare è apparso stanco e in affanno, e contro l’Atalanta non ci sarà. Anche Osimhen non è riuscito ad esprimersi al meglio, fallendo la scelta di molti passaggi, ed è ancora alla ricerca di una condizione di forma migliore dopo l’infortunio. Contro il Parma in campionato il Napoli non ha reso al meglio, pur vincendo 2-0. Di positivo c’è il ruolo sempre più preponderante di Diego Demme, un assist anche contro gli emiliani, e il contributo sempre ad alti livelli di Lozano che dopo le difficoltà della scorsa stagione si è imposto come uno tra i giocatori più importanti della squadra.

L’Atalanta dal canto suo è reduce dal brutto colpo in campionato in cui è stata sconfitta per 3-1 in casa dalla Lazio, squadra che aveva battuto in Coppa qualche giorno prima, nonostante un tempo giocato in dieci contro undici. Gli orobici ritrovavano dal primo minuto Zapata e Ilicic, assente nel turno di Coppa, ma non sono riusciti a disputare lo stesso tipo di partit. Non è detto che il colombiano e lo sloveno partano titolari contro il Napoli: le molte gare ravvicinate impongono al tecnico Gasperini una rotazione e, tenendo conto che tra una settimana ci sarà la gara di ritorno, è molto improbabile che i due giochino i 90 minuti in entrambi gli incontri.

Se non c’è certezza riguardo gli undici iniziali, ci sono pochi dubbi sul fatto che si assisterà ad una partita di grande qualità soprattutto dal centrocampo in su in cui verranno segnate molte reti, anche se da amanti del calcio speriamo che non vi siano svarioni difensivi. Le due gare del Napoli in Coppa Italia finora sono terminate con 11 reti totali: al 4-2 già citato contro lo Spezia si somma il 3-2 contro l’Empoli. Anche l’Atalanta ha finora fatto il suo: alla vittoria per 3-2 contro la Lazio è preceduto il 3-1 contro il Cagliari. Un piccolo suggerimento dunque per gli scommettitori dilettanti ed esperti, che puntando sull’Over difficilmente si sbaglieranno: provare la giocata è possibile su uno dei siti recensiti da Sportytrader.it, portale che offre una valutazione professionale dei punti di forza di ogni operatore.

Il traguardo della finale è sempre più vicino, e sia il Napoli sia l’Atalanta lo bramano, specialmente la Dea che ha vinto l’unico titolo nel lontano 1963: l’incontro sarà il primo di un mese di fuoco, e speriamo che regali spettacolo.