“Ha perso completamente il controllo”: per Allegri una nuova ‘accusa’

Il colpevole principale del brutto inizio di stagione della Juventus è Massimiliano Allegri: per il tecnico una nuova accusa

Un inizio di stagione terribile quello della Juventus, che sta vivendo una situazione veramente complicata. Le ultime due gare hanno visto i bianconeri perdere in casa con il Benfica in Champions League per 1 a 2 subendo addirittura la rimonta, e cadere sul campo del Monza di Palladino che non aveva mai vinto in Serie A. Tutti sono considerati colpevoli ma, il primo della lista, è senza ombra di dubbio Massimiliano Allegri.

Allegri il principale colpevole di questo tremendo avvio di stagione.
Massimiliano Allegri @LaPresse

Non ci sono solo i tifosi contro il mister bianconero. Stefano Agresti, intervenuto ai microfoni di ‘Radio Radio’, ha espresso la sua opinione in merito al mister toscano di oggi e quello del passato. Sul passato ha detto che “E’ un allenatore diverso da quello di prima: aveva una concretezza e capacità di gestione fuori discussione. La Juve vinceva perché era più forte ma anche perché era guidata in modo saggio. Quello era un Allegri che piaceva e portava risultati”. Cambia completamente la versione per quello che è Allegri oggi aggiungendo che “ha perso completamente il controllo. Questa Juve non è forte come quella, ma non può essere una squadra che perde così tante partite. Match come quelli contro la Salernitana e il Monza la Juve non può permetterseli”.

Juventus sempre più in crisi nera. La società deve fare qualcosa?

Allegri il principale colpevole di questo tremendo avvio di stagione.
Andrea Agnelli @LaPresse

Ci si interroga anche sulla società, che al momento non sembra intenzionata ad esonerare il mister anche per via dei costi che ciò comporterebbe. Sempre su questo punto si è espresso Stefano Agresti sostenendo che “costa, non ci sono alternative a basso costo, Montero a parte che non ha mai allenato. Chi vai a prendere? Paulo Sousa, per carità è affascinante, ma ha fatto mezza stagione con la Fiorentina”.

Ogni giorno che passa per giocatori, allenatore e società la situazione si fa sempre più insostenibile. Serve una reazione sul campo per cercare di alleviare i malumori che, ogni giorno che passa, si fanno sempre più insistenti tra i tifosi bianconeri e non solo.