“Qualcosa è andato storto”: Zaniolo-Mourinho, cosa è successo

Dopo la vittoria arrivata a Marassi contro la Sampdoria, per la Roma c’è da risolvere una questione molto importante per il proseguo della stagione.

Dopo la vittoria di misura arrivata a Marassi contro i blucerchiati, per la Roma è arrivato il momento di risolvere una questione che potrebbe complicarsi con il passare del tempo. Jose Mourinho, infatti, nonostante l’assenza di Paulo Dybala, ha nuovamente mandato in panchina Nicolò Zaniolo, entrato in campo solamente al 68° minuto al posto di Abraham. Ovviamente queste panchine non fanno bene al ragazzo che, ricordiamo, è rimasto fuori anche nella gara di Europa League contro il Betis Siviglia per squalifica.

Zaniolo ancora fuori dagli undici titolari
Nicolò Zaniolo ©LaPresse

Queste panchine consecutive gettano molte ombre anche sul futuro del calciatore azzurro in maglia giallorossa, che si aspetta di giocare con molta più frequenza. Ci si aspettava che non avendo fatto parte della trasferta in terra spagnola, il tecnico portoghese lo lanciasse dal primo minuto, ma lo special one, invece, gli ha preferito la coppia AbrahamBelotti.

Zaniolo ancora fuori: esclusione clamorosa

Zaniolo ancora fuori dagli undici titolari
Jose Mourinho ©LaPresse

La panchina di Zaniolo ha lasciato perplesse moltissime persone che si aspettavano un suo impiego. Uno di questi è Stefano Agresti che, a Radio Radio, ha dichiarato che “l’esclusione di Zaniolo è stata clamorosa, non essendoci Dybala e non avendo giocato lui a Siviglia per squalifica. Da parte di Mourinho metterlo in campo solo per gli ultimi 20 minuti è una scelta che da’ da pensare. Non sappiamo cosa sia successo in questi giorni, ma è evidente che in allenamento qualcosa non sia andato per il verso giusto”.

Ha proseguito il proprio intervento definendo strana la scelta di Mourinho di tenerlo fuori, aggiungendo che “normalmente, il primo da mettere in campo sarebbe uno che quattro giorni fa non ha giocato, ancor più contro l’ultima in classifica. Era un’eventualità che nessuno avrebbe previsto. Una decisione legittima, ma strana. Forse non si può parlare di bocciatura, ma delle riflessioni sono da fare”.  A questo punto Jose Mourinho è chiamato a risolvere questa grana, mettendo la parola fine ad una questione che potrebbe essere dannosa per il proseguo della stagione.