“Da nessuna parte”: Allegri ‘tuona’ dopo Lecce-Juve

Allegri è intervenuto ai microfoni di DAZN dopo la vittoria di misura sul campo del Lecce

La buona notizia sono sicuramente i 3 punti guadagnati dalla Juventus, quella cattiva è sicuramente il gioco non proprio scoppiettante espresso dai ragazzi di mister Allegri.

Allegri commenta il post partita contro il Lecce
Massimiliano Allegri ©LaPresse

Obiettivamente, anche se è arrivata la vittoria dopo la batosta di Lisbona, c’è da dire che l’identità di gioco ancora latita nello scacchiere bianconero. Da sottolineare la prova opaca, molto appannata, di Kostic, che è stato sostituito dal giovane Iling. Quest’ultimo ha messo lo zampino nel primo e unico goal della gara. Allegri ha sottolineato alcune cose che non gli sono piaciute di questa partita.

Allegri incensa Fagioli e “corregge” Miretti

Miretti bacchettato da Allegri
Miretti ©LaPresse

Oltre ad aver commentato la vittoria nel complesso, Allegri si è espresso soprattutto su Fagioli, autore dell’unico goal juventino: “Ha tante qualità. Ha dato inizio a un ruolo dove è stato un po’ imbastardito. Lui gioca davanti alla difesa, ma deve impararlo perché come stasera non ci ha mai giocato.” Il mister toscano si è poi lasciato andare ad un commento sull’approccio, sottolineando quanto serva “essere incoscienti, avere follia”, poi si è complimentato con i suoi: “Atteggiamento? Non può andare sempre tutto in un verso: serve essere incoscienti, avere follia. Quando va storta bisogna essere forti dal punto di vista mentale e affrontarla nel migliore dei modi. Siamo riusciti a dimenticare la sconfitta in Champions. Voglio ringraziare i ragazzi, dato che domenica passeremo una buona giornata. L’incoscienza e la sana follia ti permettono di fare cose importanti. Se siamo troppo razionali non si va da nessuna parte”.  Per chiudere il suo intervento l’allenatore della Juventus ha speso due parole su Miretti: “C’è stata una situazione in cui lui doveva guardare l’uomo dietro, si fanno ancora troppo attrarre dalla palla”. L’Allegri filosofo ha quindi analizzato la sua Juventus anche dal punto di vista mentale. Fatto sta che i 3 punti sono arrivati e, sicuramente, sarà un buon punto di partenza.