Escluso da Luis Enrique, il Real anticipa la Juve: assalto totale

Delusione totale per la Spagna del Ct Luis Enrique, ma ora l’escluso potrebbe essere nel mirino del Real Madrid: c’era anche la Juve

Scelte che hanno fatto storcere il naso ai tifosi della Spagna: così uno dei prospetti più interessanti ha visto il Mondiale soltanto dalla televisione. Ora il Real Madrid cercherà di anticipare le altre big d’Europa, tra cui anche la Juventus, che l’ha monitorato già da tempo.

luis enrique
luis enrique ©LaPresse

Scelte di formazione non troppo esaltante con l’eliminazione dalla Spagna agli ottavi del Mondiali di Qatar 2022. Come terzino destro Luis Enrique ha alternato diversi uomini, come Dani Carvajal e Marcos Llorente lasciando a casa così Pedro Porro, terzino destro dello  Sporting Clube de Portugal,, che ha visto il Mondiale dalla tv. Tanti club d’Europa, come Tottenham, Juventus , Barcellona o Real Madrid, sono sulle sue tracce come riportato anche dal portale spagnolo “ElNacional”: la sua clausola rescissoria è pari a 45 milioni di euro.

Come svelato dal quotidiano Record , lo Sporting Clube de Portugal vorrebbe anche proporgli un aumento di stipendio con l’aumento anche della clausola rescissoria. Il giocatore è felice in Portogallo, ma il Real Madrid potrebbe avere la meglio visto anche che le prestazioni di Dani Carvajal non sono più al top.

Juventus, attenzione a Florentino Perez per Pedro Porro

pedro porro
pedro porro ©LaPresse

Anche la Juventus ha pensato a lui per rinforzare la corsia destra di Massimiliano Allegri, che intende essere sempre protagonista in campo internazionali con profili di assoluto valore. Pedro Porro è diventata una stella del campionato portoghese attirando così le sirene delle big d’Europa. Il presidente del Real Madrid, Florentino Perez, potrebbe così avere la meglio anticipando la folta concorrenza per il terzino spagnolo, lasciato a casa dal Ct Luis Enrique, che è destinato a dire addio alla Nazionale spagnola dopo la delusione agli ottavi contro il Marocco. Pedro Porro ha già giocato nel Manchester City, club satellite del Girona, facendolo così volare successivamente al Valladolid: ora il suo futuro è in una big d’Europa per mettere in mostra tutto il suo talento.