Chiesa e Vlahovic ‘distrutti’: paragone durissimo

Mentre i nomi di Chiesa e Vlahovic sono al centro delle attenzioni dei più grandi club europei, c’è chi si lancia in una durissima provocazione.

Il mercato appena iniziato, almeno ufficialmente, sembra attendere soltanto loro. La Juventus, per via della penalizzazione per la vicenda plusvalenze, ha perduto l’opportunità di disputare la prossima Champions League con un danno quantificabile non inferiore agli 80 milioni di euro di mancati introiti.

Chiesa e Vlahovic distrutti, addio Juve?
Federico Chiesa e Dusan Vlahovic (ANSA) – calciomercatonews.com

Chi dovrà pensare a ricoprire quel buco in casa Juventus? Le cessioni eccellenti. E tra i nomi che possono assicurare introiti importanti ma che, sostanzialmente, andrebbero a riportare nelle casse bianconere i denari precedentemente investiti per i loro acquisti, compaiono, inevitabilmente, quelli di Federico Chiesa e Dusan Vlahovic. Tra il 202o e il 2022 la Juventus di Andrea Agnelli ha versato nelle casse del presidente della Fiorentina, Rocco Commisso, circa 150 milioni di euro per l’acquisto dei due giovani attaccanti.

Avrebbero dovuto rappresentare il futuro luminoso della Juventus. Evidentemente qualcosa non è andato come previsto. Entrambi hanno avuto problemi fisici, decisamente seri quelli che hanno riguardato Federico Chiesa. Entrambi, poi, sembra che non abbiano instaurato un buon rapporto con Massimiliano Allegri. Ma in questo loro biennio complicato vi sono responsabilità attribuibili anche ai due calciatori. È esattamente il pensiero di Fabio Ravezzani, direttore di Telelombardia.

Chiesa e Vlahovic distrutti

Mentre i club di mezza Europa si informano sull’eventualità di poter acquisire le prestazioni di Federico Chiesa e Dusan Vlahovic, e i tifosi della Juventus si disperano al solo pensiero che due dei “pochi” campioni bianconeri possano andar via, il direttore di Telelombardia, Fabio Ravezzani, ha lanciato una provocazione che ha scatenato furiose polemiche.

Chiesa e Vlahovic distrutti da un noto giornalista
Federico Chiesa e Dusan Vlahovic ai tempi della Fiorentina (ANSA) – calciomercatonews.com

Fabio Ravezzani è partito da un presupposto, ovvero che il deludente rendimento dei due attaccanti bianconeri, ex viola, non possa essere imputato completamente alla mancanza di affinità elettiva con il tecnico Massimiliano Allegri, ma passi anche, e soprattutto, attraverso delle loro innegabili responsabilità. Ed è qui che il direttore di Telelombardia lancia il suo paragone provocatorio.

Chiesa e Vlahovic sono costati alla Juve quasi 150 milioni cash e insieme nell’ultimo campionato hanno segnato 12 gol. Al lordo prendono 25 milioni di stipendio annuo”, dopo tali numeri ecco partire l’ardito confronto: “Dia era in prestito alla Salernitana, riscattato per 12 milioni, guadagna 1.1 lordi e ha siglato 16 reti. Poi, fate voi…“.

Non sono mancate le risposte polemiche dei tifosi della Juventus alla provocazione di Fabio Ravezzani. Per molti di loro le responsabilità devono essere attribuite in toto a Massimiliano Allegri che con il suo non-gioco ha di fatto impedito ai due attaccanti di poter rendere al meglio in fase realizzativa. Ora la patata bollente Chiesa-Vlahovic passa nelle mani di Cristiano Giuntoli.  Le sue direttive daranno la risposta a tale complessa questione.