Home Mercato Juventus Juventus, l’Uefa apre un’indagine sull’esultanza di Ronaldo: ecco cosa rischia

Juventus, l’Uefa apre un’indagine sull’esultanza di Ronaldo: ecco cosa rischia

CONDIVIDI

Juventus, indagine disciplinare dell’Uefa sull’esultanza di CR7 in Champions: rischio squalifica

Cristiano Ronaldo Calciomercato Juventus
Cristiano Ronaldo (Getty Images)

L’esultanza colorita di Cristiano Ronaldo dopo il fischio finale del match contro l’Atletico Madrid potrebbe costare al portoghese una squalifica: l’Uefa ha aperto un’indagine disciplinare

L’impresa storica della Juventus di martedì scorso, con cui ha ribaltato il risultato contro l’Atletico Madrid eliminando gli spagnoli dagli ottavi di Champions, potrebbe aver portato una coda davvero molto amara. Dopo il triplice fischio dell’arbitro, infatti, il mattatore della serata, Cristiano Ronaldo, ha esultato in maniera molto evidente e colorita. Il portoghese si è portato le braccia verso il basso ventre mimando il gesto de ‘los huevos’, replicando in qualche modo a Diego Simeone, che all’andata aveva celebrato la vittoria in maniera simile. Come comunicato dall’Uefa, però, “a seguito di un’indagine disciplinare condotta da un ispettore Uefa per l’etica e la disciplina sono stati avviati procedimenti disciplinari a seguito della partita degli ottavi di Champions League tra Juventus Football e Atletico Madrid, giocata il 12 marzo in Italia”. In particolare, l’indagine verte sul “comportamento improprio del giocatore Cristiano Ronaldo. L’Organo di Controllo, Etica e Disciplinare Uefa si occuperà del caso nella sua prossima riunione del 21 marzo. E i bianconeri ora temono il peggio e tremano in vista della doppia sfida con l’Ajax.

Per tutte le notizie di mercato CLICCA QUI!

Juventus, ora si teme la squalifica per Cristiano Ronaldo: Ajax a rischio

Cristiano Ronaldo è a rischio squalifica. Il fuoriclasse della Juventus si è lasciato andare a un’esultanza molto colorita per celebrare la vittoria in rimonta contro l’Atletico Madrid. Un gesto simile a quello esibito da Simeone all’andata, ma nel caso del portoghese c’è una differenza sostanziale. Il tecnico argentino, infatti, si era rivolto ai suoi tifosi per festeggiare ed evidenziale la forza e il coraggio della sua squadra, cavandosela con una multa da 20mila euro. Nel caso di CR7, però, l’esultanza era rivolta non alla propria curva, bensì al settore dei sostenitori ‘colchoneros’. Se la Uefa riterrà che Ronaldo ha irriso, insultato o comunque provocato i tifosi avversari, allora potrebbe davvero arrivare una squalifica (probabilmente di un turno). Anche perché alcune telecamere hanno catturato anche il labiale del portoghese che insultava la curva spagnola (“Hijos de puta, hijos de puta”). E per la Juventus, in vista del complicato doppio confronto con l’Ajax nei quarti di finale, sarebbe una mazzata incredibile.

Circa un mese fa i tifosi dell’Atletico Madrid hanno dovuto incassare un’altra esultanza esagerata nel derby contro il Real. Protagonista Gareth Bale, che dopo aver segnato ha rivolto il gesto del’ombrello ai sostenitori ‘colchoneros’. In Liga questo tipo di comportamento viene sanzione con una maxi-squalifica che va dalle 4 alle 12 giornate, ma il gallese è stato graziato. In Serie A, invece, a settembre Luciano Spalletti è stato fermato per un turno dal Giudice Sportivo dopo aver celebrato in maniera veemente un gol dell’Inter contro la Sampdoria, anche se in quel caso si è trattato di una decisione apparsa un po’ severa. Lo stesso CR7 quest’anno ha dovuto scontare un turno di squalifica, contro il Valencia, stavolta a seguito di un’espulsione in campo per un fallo. La Juve e i suoi tifosi sperano vivamente che l’Uefa adotti lo stesso metro di giudizio utilizzato con Bale. Giovedì sarà il giorno della verità.

F.I.