Juventus, punto acquisti: da de Ligt a Pellegrini passando per Rabiot

La Juventus sarebbe intenzionata ad allestire una rosa di primo livello per competere ancora una volta con le big d’Europa. Sarri gongola per i rinforzi che arriveranno 

Juventus Rabiot
Rabiot (Getty Images)

Migliorarsi sempre senza guardarsi mai indietro. La Juventus vuole allestire una rosa più competitiva regalando giocatori funzionali al neo-tecnico Maurizio Sarri. Il prossimo acquisto sarà il giovane terzino della Roma, classe 1999, Luca Pellegrini, che effettuerà domani le visite mediche con il club bianconero con il successivo passaggio di Leonardo Spinazzola in giallorosso. In difesa Paratici e Agnelli sarebbe a lavoro per ufficializzare già nella giornata di lunedì il promettente, ma già esperto centrale olandese classe 1999, Matthijs de Ligt. Un’opera di ringiovanimento e di qualità che porterà la Juventus a competere per i prossimi dieci anni con le potenze europee partendo sempre dal presupposto che in Italia non ci sarà storia con le altre squadre. Infine, a centrocampo pronto un altro rinforzo da novanta dopo l’ufficialità a stagione in corso a parametro zero di Ramsey dall’Arsenal. Adrien Rabiot sarebbe ad un passo dal club bianconero come svelato da Sky Sport: per lui contratto di quattro anni sulla base di 7 milioni a stagione. Il classe 1995 andrà così a rinforzare un reparto già altamente competitivo con Sarri sempre più entusiasta del nuovo progetto che ha sposato.

Per tutte le ultime notizie sul mercato della Juventus CLICCA QUI

Juventus, Kean verso l’addio: c’è sempre l’Ajax

Non solo acquisti. La Juventus pensa anche a come sfoltire la rosa della compagine piemontese. Uno degli indiziati a partire potrebbe essere il giovane attaccante, classe 2000, Moise Kean, reduce da un Europeo Under 21 deludente al massimo con alcune pecche a livello comportamentale. Il giocatore della scuderia di Raiola potrebbe essere inserito nell’affare che porterà de Ligt a Torino. I prossimi giorni saranno decisivi con la possibilità di acquisti e cessioni funzionali al nuovo progetto tecnico della Juve. Ormai ci siamo: la dirigenza bianconera non intende fare sconti a nessuno sia fuori che dentro al campo.

S.I.