Home Mercato Milan, futuro Suso: parla lo spagnolo: “Ecco perché gioco male ogni anno”

Milan, futuro Suso: parla lo spagnolo: “Ecco perché gioco male ogni anno”

CONDIVIDI

Il rendimento di Suso è stato particolarmente deludente in questo inizio di stagione, lo spagnolo del Milan lo sa e manda un messaggio ai tifosi anche sul futuro

Milan Spal Highlights Suso
Suso (Getty Images)

Il Milan continua a deludere. L’ennesimo ko con la Lazio ha rispedito nello sconforto l’ambiente rossonero, che non aveva comunque creduto più di tanto alla vittoria con la Spal. I tifosi stanno perdendo la pazienza e si sono scagliati contro la dirigenza, bersagliando sui social sia Pioli che Suso. Lo spagnolo, in particolare, ha deluso per le prestazioni deludenti di questa stagione. Il rinnovo è un discorso ancora lontano, il popolo rossonero invoca la sua cessione.

Leggi anche —-> Calciomercato Milan, obiettivo in difesa dal Brescia: l’ipotesi

Milan, Suso: “Ogni anno mi viene la pubalgia. Fino all’ultimo…”

La cessione di Suso rischia di diventare ipotesi sempre più concreta, se n’è parlato in estate e continuerà a parlarsene nelle prossime sessioni di calciomercato. Lo stesso spagnolo ha parlato del suo momento e del suo futuro: “Sono il primo a non essere soddisfatto delle mie prestazioni, ma non è una questione di pressione o di critiche. I tifosi hanno diritto di criticare, ma un gol non cambia la storia. Non cancella i fischi, meritati, o le critiche, giuste. È un momento in cui non riesco a esprimermi ai miei livelli, ma sono sicuro che presto tornerete a vedere il miglior Suso. Chiedo loro di fidarsi di me. Gioco nel Milan e tifo Milan. Fino all’ultimo giorno darò tutto”.

Per tutte le ultime notizie di calciomercato CLICCA QUI

L’ex Liverpool si rivolge proprio ai tifosi che da tempo lo contestano, avendo anche lanciato su Twitter l’hashtag #SusoOut: “Penso che le responsabilità debbano prenderle i giocatori forti e per me non c’è problema. Se mi chiedono: ‘Vuoi prenderti delle responsabilità?’, io rispondo di sì. Credo di aver fatto molto bene anche in situazioni di difficoltà della squadra. Se il Milan pende più a destra, come sento dire, non l’ho deciso io. Pressioni? Più cresci, più forte diventi, e più aumentano pressioni e responsabilità”. Sul futuro (e il passato): “A me piace tanto stare qua. Potevo andar via per due anni di fila, e non l’ho fatto. Sono rimasto qui perché così volevo. Io sono costato zero: per essere costato niente, credo che il mio rendimento al Milan sia stato buono”.

Lo spagnolo continua: “È stato criticato Cristiano Ronaldo, viene criticato Messi. Se devo dire che mi piace essere criticato, dico no, a nessuno piace, ma è una cosa che nel calcio esiste. I fischi e gli insulti non mi smontano. Dopo due mesi il mio rendimento cala sempre? Perché a novembre-dicembre inizio a soffrire di pubalgia. Quest’anno ho cominciato a sentire male all’adduttore già a settembre, contro la Lazio non ho giocato per lo stesso motivo. È un problema che mi si ripresenta ogni anno e che non si riesce a risolvere.

F.I.