Home Mercato Calciomercato Roma, si fa cassa con gli ex: 14 prestiti che valgono...

Calciomercato Roma, si fa cassa con gli ex: 14 prestiti che valgono oro

ULTIMO AGGIORNAMENTO 19:00
CONDIVIDI
Defrel
(Photo by Paolo Bruno/Getty Images)

Dai riscatti dei prestiti dei propri giocatori la Roma può ricavare circa 70 milioni: da Olsen a Schick, i giocatori che possono fare ricca la Roma

Durante la sessione di calciomercato estiva è avvenuta l’ennesima rivoluzione nell’organico della Roma. Tanti giocatori sono stati acquistati, ma altrettanti sono stati ceduti sia a titolo definitivo che in prestito. Proprio da questi giocatori in prestito potrebbero arrivare per la squadra capitolina delle vere e proprie entrate d’oro. I riscatti dei calciatori da parte delle società in cui militano al momento potrebbero portare nelle casse dei giallorossi circa 70 milioni. Scopriamo come.

Potrebbe interessarti anche >>> Calciomercato Roma, addio a gennaio: l’attaccante ai saluti

Olsen
(Getty Images)

Leggi anche >>> Calciomercato Roma, ritorno di fiamma per Mariano Diaz

Calciomercato Roma, Da Olsen a Schik: i prestiti d’oro per le casse giallorosse

In estate la Roma ha ceduto in prestito ben 14 giocatori. Questi prestiti potrebbero portare ai giallorossi, in caso di riscatto, un tesoretto di circa 70 milioni. Una delle maggiori entrate potrebbe arrivare da Patrick Schick, il calciatore ceco in prestito al Lipsia non sta trovando abbastanza spazio a causa dei continui problemi alla caviglia, fino ad ora solo 27 minuti in campo per lui in Bundesliga. Ma il riscatto del giocatore da parte del club tedesco porterebbe nelle casse della Roma circa 28 milioni. Storia diversa per Robin Olsen che nel grande inizio di stagione registrato dal Cagliari si sta rendendo protagonista di ottime prestazioni, il suo riscatto varrebbe ai giallorossi circa 10 milioni in entrata. Altri giocatori da cui potrebbero arrivare entrate importanti sono N’Zonzi, Defrel, Karsdorp, Gonalons ed altri giovani come Sadiq. L’unico problema per la squadra capitolina sarebbe lo scarso rendimento di questi giocatori, come nel caso di Schick e Bruno Peres, che porterebbe le società a non riscattarli e quindi a perdere delle entrate importanti.

Potrebbe interessarti anche >>> Italia, Mancini: il ct della resurrezione a suon di record

M.D.