Calciomercato Roma, caso Florenzi | “Situazione inaccettabile”

Il futuro di Alessandro Florenzi continua a essere un caso nella Roma: tra addio e permanenza arrivano le critiche per la gestione

Florenzi Roma
Alessandro Florenzi © Getty Images

È tornato a Roma Alessandro Florenzi, che dopo la vittoria dell’Europeo con la Nazionale italiana e qualche settimana di vacanza, si trova in una situazione scomoda. Infatti il terzino dopo il prestito al PSG è tornato nella squadra della capitale, trovando un nuovo allenatore, José Mourinho. Ma anche con il portoghese il suo posto nelle gerarchie non sarebbe cambiato e continuerebbe a fare parte degli esuberi. Ovviamente parlando di un campione d’Europa la situazione sembrerebbe essere abbastanza surreale.

Leggi anche >>> Conference League, sorteggio per la Roma | Definita l’avversaria

Anche perché i motivi della spaccatura con la squadra giallorossa ancora non si capirebbero bene. Sulla gestione della situazione così iniziano a piovere diverse critiche, e a parlarne è anche il giornalista Sandro Sabatini che non si risparmia.

Calciomercato Roma, Florenzi è un caso: ancora incerto il futuro

Florenzi Juventus
Alessandro Florenzi © Getty images

La Roma continua a cercare acquirenti per Alessandro Florenzi, terzino che nonostante la vittoria di Euro 2020 con l’Italia non è riuscito a entrare nelle grazie di Mourinho. Per il calciatore al momento sembrerebbero non registrarsi offerte e la situazione sembrerebbe essere surreale.

Leggi anche >>> Calciomercato Roma, acquisto bocciato | “Che cosa viene a fare?”

Così ad esprimersi sulla questione è il giornalista Sandro Sabatini, che a ‘Radio Radio’ afferma: “Quello di Florenzi è un bel caso. Sicuramente ci sono motivi personali, però non è accettabile una situazione del genere, né per il ragazzo né per la roma. Non so cosa possa essere successo di grave e pericoloso. Il giocatore va tutelato, ma se dice ‘io non gioco più a roma’ allora deve risolvere il contratto. Anche perché se non trova una squadra non può restare lì a fare gli allenamenti con Pastore e Santon che l’allenatore non vuol più vedere, mentre a te che sei campione d’Europa sì. E’ una anomalia che non può durare ancora a lungo”.