Ronaldo rimpianto Juventus e Dybala scaricato: ‘attacco’ in Tv

La Juventus cerca ancora la prima vittoria e alcuni rimpiangono Cristiano Ronaldo: attacco in Tv per Dybala

Clamoroso Manchester United: sette cessioni per Ronaldo
Ronaldo © Getty Images

Non arrivano nemmeno contro il Milan i primi tre punti in campionato della Juventus di Massimiliano Allegri. Dopo il vantaggio di Alvaro Morata ieri sera a pareggiare i conti ci ha pensato Ante Rebic, con un colpo di testa che bacia il palo e finisce in rete. Al momento vedere la classifica fa spaventare i tifosi della Juventus, che vedono la propria squadra al terzultimo posto, ovvero in zona retrocessione, con soli due punti.

Leggi anche >>> Delude ancora Allegri, il loro rapporto non decolla: scambio in Serie A

Dopo il pareggio di ieri inevitabilmente si torna a parlare del caso Ronaldo e di quanto sia stato giusto venderlo. Oltre al rimpianto portoghese arriva anche l’attacco in TV a Paulo Dybala.

Juventus con soli due punti, rimpianto Ronaldo: “Dybala non è un campione”

Momento decisivo per Dybala, la Juve raddoppia: mirino verso il Milan
Dybala © Getty Images

C’è inevitabilmente delusione in casa Juventus, visto che la classifica parla chiaro: solo due punti conquistati nelle prime quattro partite del campionato. Il pareggio di ieri contro il Milan ha riaperto vecchie ferite e si è tornato a parlare dell’addio di Cristiano Ronaldo, ma anche del futuro di Dybala.

Leggi anche >>> Juventus, che frecciata ad Allegri: “Come Ciccio Graziani”

A esprimersi sulla situazione è il giornalista Matteo Caronni, che a ‘Top Calcio’ afferma: “Non importa aver pareggiato ieri, ma nelle prossime tre devono arrivare 9 punti. Altrimenti, poi, bisogna lottare solo per il quarto posto. L’assenza di Ronaldo? Io me lo sarei sempre tenuto. Capisco anche, però, che ci siano scelte economiche e del giocatore, che voleva andarsene. Ma i numeri contano e con lo United ha fatto 4 gol in 3 partite”. Poi su Paulo Dybala arriva la pesante critica: “Dybala? Se chiede 10 milioni all’anno, deve fare qualcosa di sostanzioso. È un ottimo giocatore, ma non è un campione. Quando sento dire che si vuole costruire la squadra attorno all’argentino ho paura, sarebbe un problema”.