Juventus, senti Kulusevski: “Ho sofferto tanto, con Conte si lavora bene”

La Juventus a gennaio ha deciso di rinunciare a Dejan Kulusevski, cedendolo in prestito al Tottenham: dopo il gol di ieri lo svedese si sfoga

Sembrava potesse rappresentare il futuro della Juventus quando arrivato dal Parma, ma l’avventura in bianconero di Dejan Kulusevski è stata certamente opaca. L’attaccante svedese infatti in due anni con la maglia bianconera ha collezionato solamente 9 gol in 74 presenze.

Dejan Kulusevski, attaccante del Tottenham ©LaPresse

Numeri che ovviamente evidenziano un difficile ambientamento negli schemi juventini, come dimostrato soprattutto fino a gennaio, quando con Massimiliano Allegri non è scattata la scintilla giusta.  Così a gennaio si è deciso di cederlo in prestito al Tottenham di Antonio Conte insieme a Bentancur. Proprio del nuovo tecnico e del passato juventino lo svedese ha parlato ieri.

LEGGI ANCHE >>> Juventus, addio de Ligt e doppio colpo: 85 milioni per la nuova difesa

Kulusevski fondamentale nella vittoria contro il City: le parole su Conte e la Juventus nel post partita

Dejan Kulusevski, attaccante del Tottenham ©LaPresse

Il destino di Dejan Kulusevski è cambiato e la Juventus ha deciso di cedere l’attaccante svedese in prestito al Tottenham. Alla corte di Antonio Conte l’ex Parma sembrerebbe aver ritrovato la migliore forma, e ieri ha trovato anche il primo gol nella vittoria prestigiosa contro il Manchester City.

LEGGI ANCHE >>> Juventus, salta il ritorno di Pogba: destinazione choc

Proprio nel post partita contro i ‘Citizens’ ai microfoni di ‘Sky Sports’ Kulusevski ha dichiarato: “Avevo bisogno di stare tranquillo e di giocare senza pensieri. Segnare così presto è bellissimo perché non devi più pensare a niente”. Poi sul periodo alla Juventus svela: “Negli ultimi mesi ho sofferto tanto, non mi sentivo più me stesso. Voglio bene a tutti i miei ex compagni e spero che possano fare bene”. Infine parole dolci per il nuovo tecnico Antonio Conte, anche lui ex bianconero: “Il mister vuole solo vincere e  se non ci riesce non è contento. Con lui si lavora davvero bene, è quello di cui abbiamo bisogno”.