Ritorno in Italia, la Juventus si inserisce: scambio alla pari

Ipotesi suggestiva per la Juventus. Pronto la contropartita tecnica per riportare in Italia il big

Continua la striscia positiva di risultati della Juventus. L’undici di Allegri ha toccato quota 13 partite senza perdere in Serie A, in occasione della trasferta di Empoli. Neanche il tempo di festeggiare, che i bianconeri torneranno di scena in Toscana, precisamente a Firenze, dove ad attenderli c’è la Fiorentina per l’andata della semifinale di Coppa Italia.

Jorginho Juventus Arthur
Jorginho ©LaPresse

La semifinale sarà la ‘prima volta’ in cui Vlahovic ritornerà da avversario nel capoluogo toscano. Il tutto, quando è passato poco più di un mese dal suo addio alla città. Assieme al serbo, la dirigenza bianconera ha acquistato anche Denis Zakaria, mediano arrivato dal Borussia Monchengladbach per 5 milioni di euro. Un vero e proprio ‘sconto’ quello ottenuto dalla Juventus, in quanto il contratto dello svizzero era prossimo alla scadenza di giugno 2022.

Cherubini e Arrivabene, avrebbero intenzione di riprovare ad intavolare una trattativa simile a quella di Zakaria. Stavolta, l’obiettivo è Jorginho, centrocampista del Chelsea e della Nazionale, il cui rapporto contrattuale con i Blues termina a giugno 2023.

Calciomercato Juventus, è Arthur l’asso per arrivare a Jorginho: scambio alla pari

Arthur Juventus Jorginho
Arthur ©LaPresse

La Juventus potrebbe piazzare il colpo Jorginho, già seguito in passato. Classe 1991, è esploso nel Napoli di Maurizio Sarri. L’approdo in Premier League ha esaltato le caratteristiche, tanto da portarlo sul tutto d’Europa con la Nazionale di Roberto Mancini e con i Blues. Quando manca poco più di un anno al termine del suo contratto, la Juventus potrebbe riportarlo in Italia. L’idea dei dirigenti bianconeri sarebbe quella di inserire Arthur nella trattativa.

Il brasiliano viene valutato tra i 25 e i 30 milioni di euro. La cifrà è molto vicina a quella del centrocampista azzurro, leggermente inferiore al suo valore reale in quanto il contratto è prossimo al termine. L’affare potrebbe dunque andare in porto nella prossima estate, con la formula dello scambio ‘alla pari’.