Juventus-Inter, primo tempo infuocato: Irrati nel mirino

Come da previsioni, Juventus-Inter si conferma la partita delle polemiche: nel primo tempo è successo davvero di tutto. Grande lavoro per l’arbitro Irrati e per il VAR

Una partita dura, nervosa. Ed ovviamente densa di spunti arbitrali e di polemiche. Juventus-Inter si conferma il match più infuocato dell’anno con una grande quantità di episodi che hanno, a turno, scontentato entrambe le squadre. Il momento clou è stato l’assegnazione del calcio di rigore a favore dell’Inter. Con successiva indicazione della sua ripetizione in seguito alla parata di Szczesny su Calhanoglu. Ma andiamo con ordine.

Manuel Locatelli infortunato
Manuel Locatelli © LaPresse

Pronti via e dopo poco più di 100 secondi Lautaro Martinez alaza pericolosamente la gamba sulla testa di Locatelli: l’argentino è ammonito ma già dalle parti bianconere si invoca il rosso diretto, che non arriva. Le proteste bianconere si fanno più vivaci quando, al 23′, a seguito di un contrasto con Chiellini, il ‘Toro’ sullo slancio colpisce il capitano della Juve: nessun secondo giallo, con gli animi che iniziano a scaldarsi. Da parte nerazzurra, del resto, si era già richiamata l’attenzione di Irrati per una possibile espulsione di Rabiot, che nel giro di tre minuti prima si fa ammonire per un’entrata su Barella, poi  entra in ritardo su Lautaro e gli rifila un pestone. Irrati non fischia nessun fallo, tra le proteste di Inzaghi e di tutta la panchina nerazzurra.

Juventus-Inter, il calcio di rigore manda su tutte le furie Allegri

Hakan Calhanoglu esultanza
Hakan Calhanoglu © LaPresse

Arriviamo al 44′, all’episodio che sta decidendo il match. Irrati, dopo un controllo al VAR, decide di assegnare il rigore all’Inter per uno step-on-foot di Morata su Dumfries. Sul dischetto, tra le proteste bianconere, si presenta Calhanoglu. Szczesny però ipnotizza il turco, che poi si avventa sulla respinta: ne nasce un mischione con la palla che finisce in porta dopo una carambola su De Ligt. L’arbitro fischia un presunto fallo di Calhanoglu su un difensore, ma anche qui interviene il VAR. Dal replay si nota che il difensore olandese – e forse anche Chiellini – entrano prima in area. Irrati fa quindi ripetere e stavolta l’ex rossonero segna. Allegri va tutte su le furie: varie riprese televisive immortalano il tecnico intento a togliersi la giacca scaravantando la stessa a terra con violenza.