Juventus-Venezia 2-1, doppietta di Bonucci e Champions blindata

La Juventus vince contro il Venezia con qualche difficoltà di troppo: la doppietta di Bonucci ipoteca la qualificazione in Champions

Serviva tornare a vincere in casa per la Juventus, lo ha detto ieri in conferenza stampa Massimiliano Allegri e la sua squadra l’ha fatto. I bianconeri tornano a vincere allo Stadium contro il Venezia passando per 2-1, con qualche difficoltà di troppo. Vittoria molto importante, che ipoteca la qualificazione alla Champions League in attesa della Roma questa sera contro il Bologna.

Leonardo Bonucci, difensore della Juventus © LaPresse

Bastano solamente sette minuti alla Juventus per trovare il gol del vantaggio contro i ‘Lagunari’. Da calcio d’angolo de Ligt fa la sponda e trova il colpo di testa di Leonardo Bonucci, che nel giorno del suo 35esimo compleanno mette a segno il gol dell’1-0. Il Venezia non demorde e cerca il gol del pareggio, che poi riesce a trovare al 71′ con un grande sinistro al volo di Mattia Aramu che da lontanissimo supera Szczesny e fa sperare il Venezia. Speranze che però vengono spente all’80’ quando ancora Bonucci sfrutta una mischia in area e segna la sua doppietta personale, festeggiando il compleanno nel migliore dei modi. Juventus che vince 2-1, basta un solo punto ora alla matematica qualificazione in Champions League. Venezia che invece vede la retrocessione sempre più vicina.

Juventus-Venezia 2-1, Bonucci diventa bomber: tabellino e classifica

Leonardo Bonucci, difensore della Juventus © LaPresse

Juventus (4-4-2): Szczesny; Danilo, Bonucci, de Ligt, Pellegrini (58′ Alex Sandro); Bernardeschi (58′ Dybala), Zakaria, Miretti (79′ Arthur), Rabiot; Vlahovic (79′ Chiellini), Morata (69′ Kean). A disposizione: Perin, Pinsoglio, Rugani, Akè. Allenatore: Allegri

Venezia (4-3-2-1): Maenpaa; Mateju (86′ Okereke), Caldara, Ceccaroni, Haps (86′ Ullmann); Cringoj (64′ Peretz), Vacca (37′ Fiordilino), Ampadu; Aramu, Henry, Cuisance (46′ Kiyine). A disposizione: Oliveira, Tessmann, Nsame, Johnsen, Almeida, Busio, Svoboda. Allenatore: Soncin

Arbitro: Prontera
VAR: Mazzoleni
Ammoniti: Zakaria, Lu.Pellegrini, Kiyine, Aramu, Haps, Alex Sandro

CLASSIFICA Serie A: Milan* punti 74, Inter* 72, Napoli 70, Juventus 69, Lazio 59, Roma* 58, Fiorentina* 56, Atalanta* 55, Hellas Verona 52, Sassuolo 46, Torino* 44, Udinese* 43, Bologna* 42, Empoli* 37, Sampdoria 33, Spezia 33, Cagliari 28, Salernitana** 25, Genoa 25, Venezia* 22.

*Una partita in meno
**Due partite in meno