Inzaghi sulla graticola: il sostituto è un ritorno a sorpresa

L’Inter guarda al futuro che potrebbe, tuttavia, non comprendere più Inzaghi: sorpresa per l’erede sulla panchina nerazzurra

Un inizio di stagione tra alti e bassi quello che ha visto l’Inter di Simone Inzaghi collezionare ‘solo’ 12 punti ritrovandosi a -5 dalla vetta della Serie A. Serve una svolta immediata, dopo il clamoroso ko di Udine prima della sosta per gli impegni delle nazionali.

Inter Ranieri
Simone Inzaghi ©LaPresse

E sotto la lente d’ingrandimento rimane il futuro di Simone Inzaghi che è attualmente in scadenza il 30 giugno 2024 con la ‘Beneamata’. Un accordo che, se i risultati non dovessero arrivare nell’immediato, potrebbero portare al clamoroso esonero dell’allenatore piacentino: ecco la strategia nella mente di Marotta e Ausilio.

Inzaghi rischia: ecco chi può tornare subito

Inter Ranieri
Beppe Marotta ©LaPresse

Se, come anticipato, Simone Inzaghi dovesse continuare a deludere, le intenzioni dell’Inter potrebbero portare ancora all’idea di un traghettarore fino al termine della stagione. Diverse le opzioni, numerose le possibilità che intrigano ma una su tutte pare decisamente concreta già nell’immediato, fino a giugno. Si tratta di Claudio Ranieri, attualmente senza squadra dopo l’avventura sulla panchina del Watford terminata lo scorso gennaio. Il tecnico romano, in una recente intervista al ‘Corriere dello Sport‘, è ritornato sull’amara esperienza sulla panchina nerazzurra dal settembre 2011 al marzo 2012. Ecco quindi che, adesso, l’allenatore classe ’51 potrebbe avere una seconda occasione per rifarsi: tutto dipenderà da Inzaghi.

Se le cose dovessero precipitare nelle prossime settimane, allora Ranieri diventerebbe un nome caldissimo per succedere all’ex laziale. Lo vorrebbe Beppe Marotta in persona, che stima il tecnico ritenendolo la scelta ideale per raddrizzare la stagione in corso.

Inter Ranieri
Claudio Ranieri ©LaPresse

Situazione dunque in divenire ma Claudio Ranieri resta in attesa: il ritorno all’Inter più di una piacevole suggestione, tutto è nelle mani di Inzaghi.