Altro che 117 milioni, svolta Leao: l’annuncio dell’ex Milan

Rafael Leao rimane uno dei nomi più chiacchierati in ottica calciomercato: PSG, Chelsea e non solo, arriva l’annuncio sul futuro del portoghese

La batosta contro il Chelsea è ormai alle spalle. Il Milan è adesso concentrato sul delicato match con l’Hellas Verona, al ‘Bentegodi’, che dovrà portare risposte ai rossoneri che continuano la rincorsa al Napoli capolista. Il ‘Diavolo’ deve tuttavia iniziare a programmare il futuro e a fare i conti con alcuni spinosi nodi da sciogliere in ottica calciomercato.

Leao Milan
Rafael Leao © LaPresse

Uno di questi è chiaramente Rafael Leao, corteggiatissimo durante l’estate dopo le celebrazioni per il 19esimo scudetto rossonero che ha visto il portoghese tra i grandi trascinatori della squadra di Pioli. Adesso, in attesa che l’estate 2023 si avvicini, un ex rossonero ha detto la sua su quello che verosimilmente sarà il destino dell’attaccante del Milan.

Leao, 117 milioni non bastano: “È il più decisivo”

Leao Milan
Rafael Leao © LaPresse

Non è un mistero che Rafael Leao, per il Milan, rappresenti la gemma più preziosa, assolutamente insostituibile nello scacchiere tattico di Pioli. Al pari di Theo Hernandez, Tonali o Maignan, il portoghese si è preso il Milan sulle spalle trascinandolo nella scorsa stagione a suon di gol e assist verso il 19esimo scudetto della storia milanista. Ed il ‘Diavolo’, che lavora ormai da mesi al rinnovo che stenta ad arrivare, ha tutta l’intenzione di goderselo e tenerselo stretto. Al di là di quello che potrà essere il destino del campione lusitano (è in scadenza nel 2024) arrivano dichiarazioni importanti di una ex bandiera del Milan, in un’epoca in cui i rossoneri hanno vinto praticamente tutto: Massimo Ambrosini.

Ai microfoni di ‘Tuttosport’, l’ex centrocampista ha provato a fare il punto sull’attaccante classe 1999 accostato a più riprese a top club del livello di PSG e Chelsea: Leao il più decisivo della Serie A? Sì, adesso sì. Per il tipo di consapevolezza che ha preso di se stesso e per l’efficacia e la concretezza che mette nel proprio gioco”. Sulla valutazione del cartellino del pilastro di Pioli, poi, l’ex centrocampista non ha alcun dubbio: “Se vale più di 100 milioni? Non mi piace fare certi discorsi, diciamo solo che è un giocatore che varrà tanti soldi. Ma se Jack Grealish è stato pagato 117 milioni dal Manchester City…“.

Ambrosini Leao
Massimo Ambrosini © LaPresse

Leao dovrà quindi decidere cosa fare da grande: se rinnovare e restare al Milan, da titolare indiscusso e crescere di pari passi con il ‘Diavol0’ o finire per cedere alle tentazioni, soprattutto della Premier League.