“Patetico”: arriva l’affondo su Cristiano Ronaldo

Come se non bastassero le critiche per il gesto d’insubordinazione, per CR7 arrivano bordate anche per le sue successive parole

Come ho sempre fatto in tutta la mia carriera, cerco di vivere e giocare con rispetto verso i miei colleghi, i miei avversari e i miei allenatori. Questo non è cambiato. Io non sono cambiato. Sono la stessa persona e lo stesso professionista che sono stato negli ultimi 20 anni giocando ai massimi livelli, e il rispetto ha sempre giocato un ruolo molto importante nel mio processo decisionale. Ho cominciato molto giovane e gli esempi di giocatori più grandi ed esperti sono stati sempre molto importanti per me. Per questo, in seguito, ho sempre cercato di essere io stesso l’esempio per i giovani che sono cresciuti in tutte le squadre che ho rappresentato“. Stralci delle lunga lettera, affidata ad Instagram, scritta da Cristiano Ronaldo nella serata di giovedì, che fa seguito al clamoroso abbandono dal campo, all’89° di Manchester United-Tottenham, come gesto d’insubordinazione verso il tecnico ten Hag.

Cristiano Ronaldo ©LaPresse

Chissà se proprio il lungo preambolo introduttivo, intriso di auto-celebrazione, prima di ammetere che “a volte ci si fa prendere dalla foga e, a caldo, si prendono decisioni sbagliate“, abbia indispettito ancor di più gli addetti ai lavori, nonchè qualche vecchia gloria del calcio inglese. A giudicare dalle reazioni al post di CR7, potremmo dire che le sue parole hanno addirittura ‘aggravato’ la sua posizione.

Pennant distrugge Cristiano Ronaldo: “Patetico”

Patetico. Assolutamente patetico.”, esordisce così Jermain Pennant, ex colonna del Liverpool, ai microfoni del Daily post. “Alla fine della giornata, sii un uomo e ammetti i tuoi errori. Dì “alza la mano, ho sbagliato qui e mi scuso sinceramente con i miei compagni di squadra, il mio manager, il club e i tifosi. Quella dichiarazione lì, non si sta assumendo la responsabilità lì e non ci sono scuse”, rincara l’ex calciatore.

Anche in Italia c’è chi si è fatto un’idea molto chiare del comportamento del fuoriclasse lusitano. Paolo Paganini, ad esempio, che dal suo profilo Twitter ha lanciato le seguenti considerazioni.