Bilanci Juventus, c’è ottimismo: “Il problema è il campo”

Nessuna paura sulla questione bilanci e Consob in casa Juventus: a parlare è Paolo Aicardi, presidente dei Piccoli Azionisti della Juventus

Intervento durante la diretta Twitch di Calciomercato.it su TvPlay, Paolo Aicardi ha toccato alcun temi particolarmente caldi che riguardano il mondo della Juventus.

Dirigenti Juventus ©LaPresse

Presidente dei Piccoli Azionisti della Juventus, Paolo Aicardi non si è detto preoccupato per quanto riguarda le ultime notizie relative ai bilanci della JuventusLa principale preoccupazione di Aicardi, infatti, riguarda l’aspetto sportivo: “Sportivamente è una stagione iniziata molto male. La Juventus è uscita molto male dalla Champions, è partita male in campionato e in questi casi la colpa è di tutti”.

Poi la rassicurazioni: “Sotto l’aspetto finanziario non mi dico preoccupato. Le indagini sono ancora in corso e attendo gli esiti serenamente. Sono meno sereno, invece, dal punto di vista sportivo. Se la Juventus non si dovesse qualificare per la Champions sarebbe grave sotto tutti i punti di vista”.

Andrea Agnelli ©LaPresse

Juventus, i bilanci non sono un problema

Altro tema sempre molto caldo in casa Juventus è quello relativo alle plusvalenze: “Non sono preoccupato, quello della contabilizzazione dei giocatori è un problema mondiale. Sui bilanci ci sono differenti valutazioni in merito ai criteri contabili internazionali”. Secondo Aicardi, dunque, la “Juventus si è comportata regolarmente. Ad oggi la plusvalenza mi sembra un’operazione lecita e che può essere utilizzata in modo ragionevole. Poi ci sono annate in cui per dinamiche questi movimenti possono aumentare o diminuire, ma bisognerebbe stabilire delle regole precise per tutti”. Dunque, Airola sottolinea che “la Juventus non droga il mercato”, specificando come “gli ultimi club di Premier League prendono oltre 100 milioni di diritti televisivi. In Italia Milan, Inter e Juventus non arrivano nemmeno a 100, questo la dice lunga questo sull’appetibilità del calcio italiano all’estero”.

Sulle rassicurazioni ricevute dalla  famiglia Agnelli: “I comunicati parlano chiaro, certe cose sarebbe meglio che non accadessero, si preferirebbe esser sui giornali per le vittorie o per i dividendi redistribuiti. Aspettiamo con serenità ogni decisione, ma va ricordato che negli ultimi due anni la Juventus ha fatto aumenti di capitale per 700 milioni di euro”. Infine, sul sogno Milinkovic-Savic“Impossibile senza aumento di bilancio? Il presidente Boniperti sosteneva  che la vittoria più interessante è la prossima. Secondo me la sorpresa più interessante sarà la prossima a gennaio. È un’opzione percorribile”.