Addio alla riserva di lusso: il Real pesca il sostituto dalla Serie A

Il club madrileno vuol contare ancora sul suo talento, troppo spesso in panchina e oggi infelice, ma in caso di partenza è tempo di sbirciare in casa Inter

Carlo Ancelotti scalpita di ripartire con il campionato de ‘La Liga’  una volta che il Campionato del Mondo di Qatar 2022 avrà visto il suo vincitore. L’obiettivo è quello di riacciuffare il Barcellona di Xavi, a soli due punti distanza dopo 14 partite giocate, con un organico che sarà parzialmente stremato dalle fatiche della principale competizione internazionale per Nazionali.

Eduardo Camavinga ©LaPresse

Proprio nell’ultima uscita conclusiva della fase a gironi cui ha preso parte la Francia, ha avuto modo di macinare qualche importante minuto di gioco anche il centrocampista del Real Madrid, Eduardo Camavinga. La sua prestazione, tuttavia, non è stata affatto degna di nota. La motivazione potrebbe essere ricercata soprattutto nel fatto che proprio sotto la guida di Ancelotti il giovane francese non abbia avuto grande spazio a disposizione per esprimersi come avrebbe voluto. Ed infatti, in una recente intervista, Camavinga ha così dichiarato: “Non sono stato sorpreso di essere convocato, ma sinceramente avevo i miei dubbi. Ero fiducioso e sono stato molto felice della notizia, ma mancano diversi giocatori importanti. L’unica cosa che vorrei al momento è avere più chance al Real Madrid. Non voglio fare la riserva di lusso per la vita, ma devo avere pazienza”.

Calciomercato, Camavinga fa posto a Barella: l’ipotesi del Real

Nicolò Barella ©LaPresse

Dalle sua parole trasuda dunque un pizzico di rammarico. E il Real lo avrebbe percepito. Tanto che in molti non escludono la possibilità di una sua cessione a gennaio. Nel caso in cui Florentino Perez fosse disposto ad aprire a questa ipotesi, tutte le attenzioni ricadrebbero sul centrocampista nerazzurro Nicolò Barella. Quest’ultimo piace da matti ad Ancelotti e rappresenterebbe l’ennesimo pezzo pregiato nelle mani di un club pluripremiato, a caccia dell’ennesima vittoria in Champions League. Il prezzo? Almeno 70 milioni, su cui l’Inter non farebbe sconti.