No a 62 milioni: il rifiuto ufficiale ‘agita’ la Juventus

La ricca offerta di un top club per l’acquisto di un importante calciatore è stata formalmente rifiutata: Juventus sullo sfondo, i dettagli

Le problematiche in campo giudiziario che coinvolgono direttamente la Juventus obbligano il club bianconero a procedere con estrema cautela. Il prossimo 18 gennaio verrà nominato il nuovo Consiglio d’Amministrazione, mentre la delegazione sportiva (Massimiliano Allegri e Federico Cherubini su tutti) resterà intatta presumibilmente almeno fino al termine della stagione in corso.

No a 62 milioni: il rifiuto ufficiale 'agita' la Juventus
Allegri © LaPresse

Nonostante il momento sia alquanto delicato e possa riservare in futuro ulteriori sorprese spiacevoli, è necessario andare avanti. E non si possono ignorare i vari temi legati al calciomercato, con la sessione invernale che aprirà i battenti lunedì 2 gennaio. Il primo grande acquisto l’ha praticamente già messo a referto il Liverpool, trovando l’accordo col PSV per assicurarsi le prestazioni di Cody Gakpo. Attenzione, poi, all’Arsenal capolista: i ‘Gunners’ stanno insistendo per aggiungere alla rosa guidata da Arteta una pedina assai rilevante, che piace parecchio pure alla ‘Vecchia Signora’. Il riferimento è a Mykhaylo Mudryk, attaccante classe 2001 (compirà 22 anni il 5 gennaio) di proprietà dello Shakhtar Donetsk.

Calciomercato Juventus, rifiutata la prima offerta dell’Arsenal per Mudryk

Nelle scorse ore, gli inglesi hanno presentato un’offerta da oltre 62 milioni di euro. Ma, stando a quanto riferisce ‘The Telegraph’, la proposta in questione è stata formalmente rifiutata dalla società ucraina, la quale punta a guadagnare da questa cessione – sempre secondo la medesima fonte – una cifra intorno ai 96 milioni.

No a 62 milioni: il rifiuto ufficiale 'agita' la Juventus
Mudryk © LaPresse

Numeri che, inevitabilmente, fanno spavento alla Juventus: i bianconeri, infatti, non possono certamente competere con le big della Premier economicamente parlando. Il club di Exor osserva comunque la vicenda a distanza, però appare altamente improbabile che possa mettere in atto un tentativo concreto per Mudryk. L’Arsenal, dal canto suo, prosegue i colloqui con lo Shakhtar. Servirà un sostanzioso rialzo.