Ronaldo ancora sotto attacco: “Viene da ridere”

Cristiano Ronaldo è pronto per la sua nuova avventura in Arabia Saudita: la scelta del campione portoghese è stata criticamente duramente

Una decisione che è diventata ufficialmente negli ultimi giorni: in tanti hanno criticato la scelta di CR7 di volare in Arabia Saudita sposando il progetto dell’Al-Nassr.

Cristiano Ronaldo
Cristiano Ronaldo © LaPresse

Così ai microfoni di Radio Radio il giornalista Furio Focolari ha espresso il suo dissenso per quanto riguarda la decisione di Cristiano Ronaldo: “Nessuno lo voleva, ora la sua carriera è finita, terminata. Non l’ha voluto nessuno. Che Messi vada in Arabia mi sembrerebbe molto brutto”. Successivamente è entrato nel dettaglio rivelando il suo punto di vista: “Non prendiamoci in giro, viene da ridere anche vedendo le dichiarazioni di Ronaldo sul progetto e le ambizioni dell’Al-Nassr. Ma non ci raccontasse che va lì per il progetto, sei ridicolo. Per il resto è giusto, chi non andrebbe con tutti quei soldi? Messi però non è finito, ha vinto il Mondiale da numero uno, andare a giocare lì sarebbe più brutto rispetto a quanto lo è per Ronaldo.

Calciomercato, la critica su Cristiano Ronaldo

Così lo stesso portoghese sarà protagonista in un mondo sconosciuto con l’Arabia Saudita tornato alla ribalta con la vittoria al Mondiale contro l’Argentina.

Cristiano Ronaldo
Cristiano Ronaldo © LaPresse

Lo stesso Furio Focolari ha espresso indicazioni decise sulla scelta del campione lusitano, che ha deluso anche al Mondiale in Qatar: “Per Cristiano è comunque un crepuscolo. Dovremmo ribellarci però. Un dirigente come Infantino che ci porta a giocare a calcio in paesi dove non si è mai giocato a calcio. Tutti i paesi meritano rispetto, ma calcisticamente alcuni sono zero. In certi paesi il calcio non è una priorità, non è nel tessuto sociale. Così è stato per la Cina e così è per l’Arabia Saudita. Ma è una cosa squallida”. Una scelta prettamente economica con lo stesso CR7 che diventerà di fatto lo sportivo più pagato al mondo andando a massimizzare sempre il suo guadagno.