Home Mercato Calciomercato Milan, non solo Brahimi: da Bruma a Sisto, ali low-cost

Calciomercato Milan, non solo Brahimi: da Bruma a Sisto, ali low-cost

CONDIVIDI

Calciomercato Milan, affari a basso prezzo: da Bruma a Sisto

Hannes Wolf (Salisburgo) e Bruma (Lipsia) (Photo Getty Images)

Calciomercato Milan, ali a basso prezzo: occasioni Bruma e Sisto

Nell’attesa di centrare il doppio obiettivo Coppa Italia-qualificazione in Champions League, il Milan studia con attenzione il mercato e guarda a nuovi rinforzi. Tra i reparti a cui la dirigenza rossonera sta più pensando ci sarebbero il centrocampo e le ali. Già a gennaio il Milan puntava ad un esterno d’attacco e per la prossima stagione è certo che arriverà almeno un’ala alla corte di Gattuso. Almeno una perché non è detto che i giocatori attualmente in rosa possano restare. Suso piace all’Arsenal, mentre Borini potrebbe lasciare i colori rossoneri. Per questo il Milan si guarda intorno ed oltre a Saint-Maximin, che resta il grande obiettivo, i rossoneri pensano ad altri colpi sull’esterno.

Calciomercato Milan, i nomi low-cost

La società rossonera, dopo aver speso molto in inverno, dovrà stare attenta al budget anche in ottica Fair Play Finanziario. E il grande investimento, al momento, sembra previsto per due colpi francesi: il riscatto di Bakayoko e l’arrivo, appunto, di Saint-Maximin. Per questo sarà importante anche cercare occasioni valide e a basso costo, puntando a giocatori giovani come da diktat della società. In questo senso rientra al limite Yacine Brahimi, che piace anche ad Inter e Lazio. Rientra di più in queste caratteristiche Arnaut Danjuma-Groeneveld del Bruges, già cercato a gennaio, il cui costo si aggira sui 15 milioni di euro. Per meno potrebbe arrivare Bruma, portoghese del Lipsia ormai in rotta con il club. Il lusitano è stato poco impiegato in stagione e già a gennaio premeva per cambiare aria. Attenzione però anche alle occasioni dalla Spagna: dal danese del Celta Vigo, Pione Sisto ad Alfonso Pedraza del Villarreal. Entrambi i club rischiano la retrocessione e potrebbero lasciare partire a basso costo i propri gioiellini.