Home Mercato Juventus Juventus, Allegri: “Addio giusto, nessun pentimento. Conte può vincere lo scudetto”

Juventus, Allegri: “Addio giusto, nessun pentimento. Conte può vincere lo scudetto”

CONDIVIDI

Massimiliano Allegri torna a parlare dopo un lungo silenzio. L’ex allenatore della Juventus è intervenuto a margine di un evento a Padova

Massimiliano Allegri Juventus (Getty Images)
Massimiliano Allegri Juventus (Getty Images)

Era stato in silenzio per diverso tempo Massimiliano Allegri. Il vincitore degli ultimi 5 scudetti con la Juventus, ieri è tornato a parlare, ospite a Padova dei giovani industriali Assindustria VenetoCentro. Il livornese si è preso il classico anno sabbatico, ma potrebbe subentrare in corso di stagione se saltasse una panchina a lui gradita, italiana o estera.

Sul suo addio alla Juventus: “Non sono assolutamente pentito della scelta fatta insieme alla società, le cose non vanno forzate. Abbiamo capito tutti e due, forse il Presidente prima di me, che era il momento di prendersi una pausa dopo 5 anni. Di strada ne abbiamo fatta tanta”.

Sull’amicizia con Andrea Agnelli: “Siamo stati insieme anche quest’estate, tra di noi è rimasto un bel rapporto. Agnelli è giovane e ha grandi vedute europee, sta facendo tutto il possibile per migliorare il calcio italiano. Ho avuto la fortuna di vincere con e senza Marotta, mi è rimasto tanto della Juventus, mi ha insegnato molto, come del resto il Milan“.

Sull’Inter di Conte: “Marotta ha ha fatto una squadra forte e preso Conte, facendo una scelta di peso. Può giocarsela per vincere lo scudetto”.

Per tutte le notizie più importanti della giornata CLICCA QUI!

Sulla Juventus di Sarri: “Non l’ho guardata di nascosto. Ho visto in TV un pezzetto della sfida contro il Napoli, ma le ho seguite tutte e due”.

Su Ronaldo: “La sua forza è mentale, come tutti i grandi e lui è il più grande. Malgrado i 34 anni e i tanti successi’, continua a darsi stimoli importanti. Per stare a certi livelli la tecnica è importante, ma testa e professionalità fanno la differenza. Oggi è meglio allenare Ronaldo che un giovane di talento”.

Q.G.