Calciomercato Milan, via senza Champions | Erede Calhanoglu da Raiola

Il Milan potrebbe dire addio ad Hakan Calhanoglu a fine stagione e trova l’erede in Serie A: lo porta Raiola, ma la Champions sarà decisiva

Il Milan in questi giorni vive una vera e propria emergenza dovuta ai tanti infortuni ed alle positività al Covid pesanti. Uno dei calciatori ad aver contratto il virus è Hakan Calhanoglu, che a fine giugno vedrà scadere il proprio contratto con i rossoneri. Al momento il rinnovo ancora non è arrivato, così la società milanista cerca un sostituto per la prossima stagione. L’erede del turco potrebbe arrivare proprio dalla Serie A, e lo porta Mino Raiola.

Potrebbe interessarti anche >>> Calciomercato Milan, difensore in arrivo | Maldini chiude l’affare

Potrebbe interessarti anche >>> Calciomercato Lazio, sostituto di Luiz Felipe | Spunta l’ex Milan

Mkhitaryan ©GettyImages

Potrebbe interessarti anche >>> Calciomercato Milan, super colpo per l’estate | 30 milioni!

Calciomercato Milan, Mkhitaryan erede di Calhanoglu: lo porta Mino Raiola

In casa Milan dopo l’arrivo di Mario Mandzukic, si inizia a ragionare anche per la prossima stagione. Infatti tra le fila dei rossoneri ci sono alcuni giocatori che a giugno vedranno scadere il proprio contratto, proprio come Hakan Calhanoglu. Il turco è una pedina molto importante nello scacchiere di Stefano Pioli, ma al momento il suo rinnovo ancora non è arrivato.

Mkhitaryan ©GettyImages

Per questo motivo la società milanista inizia a guardarsi intorno per trovare l’erede e mette gli occhi su Henrikh Mkhitaryan. Il calciatore della Roma può ricoprire lo stesso ruolo del numero 10 rossonero ed è anche lui in scadenza con la Roma, ma con l’opzione per prolungare fino al 2022, e sembrerebbe che la scelta starà a lui. L’asso nella manica del Milan per acquistare l’armeno è rappresentata da Mino Raiola, agente del calciatore che con i rossoneri ha buoni rapporti ed interessi, legati soprattutto a Gigio Donnarumma. Ad essere decisiva per l’addio di Mkhitaryan dalla capitale potrebbe essere la mancata qualificazione per la prossima Champions League, che attualmente il Milan ha molte più possibilità di giocare.