Calciomercato Juventus, Rabiot pedina di scambio | Due ipotesi in Premier League

Juventus che potrebbe tentare lo scambio per arrivare ad uno dei due obiettivi in Premier League: sul piatto Adrien Rabiot

Si iniziano a tirare le somme anche in casa Juventus, visto che la stagione attuale potrebbe aver ben poco da dire, se non la speranza di conquistare almeno la Coppa Italia. Nella prossima sessione estiva di calciomercato i bianconeri vorrebbero rinforzare il centrocampo, e mettono gli occhi in Premier League, dove due giocatori hanno attirato l’attenzione del club juventino.

Potrebbe interessarti anche >>> Calciomercato Juventus, rinforzo in difesa | Colpo dai rivali

Come pedina di scambio potrebbe essere messo sul piatto Adrien Rabiot, centrocampista arrivato due anni fa a parametro zero dal PSG, nonostante la sua cessione non sembrerebbe essere tra quelle prioritarie al momento. Ma l’occasione di una importate plusvalenza potrebbe fare comunque gola.

Calciomercato Juventus, occhi su Jorginho e van de Beek: scambio con Rabiot

La Juventus si prepara alla possibile rivoluzione estiva. Infatti la stagione attuale può considerarsi a lunghi tratti negativa, e nella prossima sessione di calciomercato potrebbero arrivare diversi cambiamenti all’interno della rosa. Uno dei reparti da rinforzare sembrerebbe essere il centrocampo, così i bianconeri mettono gli occhi in Premier League.

Jorginho Inter
Jorginho (Getty Images)

Potrebbe interessarti anche >>> Calciomercato Juventus, sondaggio in Serie A | Inizia la ricostruzione

Infatti, secondo quanto riportato da Tuttosport, la Juventus continua ad osservare con interesse Jorginho, calciatore del Chelsea nei desideri bianconeri da diverso tempo. Mentre l’altro calciatore nel mirino juventino sarebbe Donny van de Beek.  Il centrocampista del Manchester United dal suo approdo in Premier League non è mai riuscito ad integrarsi totalmente, così la sua permanenza non sarebbe scontata. Così il piano della società potrebbe essere quello di tentare lo scambio con Adrien Rabiot, anche se la sua cessione non rientrerebbe nei piani attuali, ma l’opportunità di fare plusvalenza potrebbe prevalere.