Superlega, come sarebbe la Nazionale italiana senza i giocatori di Inter, Juventus e Milan

Tiene banco il tema Superlega in questa giornata di post Serie A e di vigilia del turno infrasettimanale. La scissione dalla UEFA lanciata da dodici club, fra i quali sono presenti anche Inter, Juventus e Milan, grandi società del nostro calcio. Ma come sarebbe la Nazionale italiana di Roberto Mancini senza le stelle delle tre sorelle del nostro calcio: scopriamolo insieme

Il terremoto che ha investito il mondo del calcio in questo caldissimo lunedì di fine aprile ha dato i natali alla SuperLeague, alternativa alla Champions creata da 12 società fondatrici fra le quali, per il campionato italiano, sono presenti Inter, Juventus e Milan. E’ guerra aperta fra il nuovo board della Superlega, capitanato da Florentino Perez ed Andrea Agnelli, e la UEFA guidata dal suo presidente, Aleksander Ceferin.

Proprio negli ultimi minuti, il numero uno della federazione calcistica europea ha ribadito la contrarietà alla proposta lanciando una bomba in ottica nazionali con gli Europei alle porte ed il Mondiale in Qatar il prossimo anno: “I calciatori che parteciperanno alla Superlega non giocheranno né il Mondiale né in Europa. Non potranno rappresentare le squadre nazionali. Uefa distribuisce il 90% dei ricavi reinvestendoli nel calcio. Uefa non è solo una questione di soldi, la Superlega sì”.

LEGGI ANCHE >>> SuperLega, il comunicato dei club: ora è ufficiale | I dettagli

LEGGI ANCHE>>> Calciomercato, svolta per il club di Premier | Rispunta Allegri

Superlega, come sarebbe la Nazionale italiana senza giocatori di Inter, Juventus e Milan

Sono diversi i protagonisti della Nazionale italiana di Roberto Mancini che, se dovesse avverarsi quanto paventato da Ceferin, dovrebbero dire momentaneamente addio alla maglia azzurra: Donnarumma, Bastoni, Bonucci, Chiellini, Emerson (Chelsea), Barella, Sensi, Chiesa, Bernardeschi.

Lituania Italia Bernardeschi
Mancini © Getty Images

Diverse assenze che potrebbero riconfigurare la squadra allenata da Roberto Mancini con Alessio Cragno fra i pali. Sulla linea difensiva Florenzi, Acerbi, Toloi e Spinazzola. A centrocampo spazio a Manuel Locatelli, salvo trasferimento alla Juventus nella prossima estate di calciomercato, Pellegrini e Verratti. In attacco toccherebbe a Lorenzo Insigne magari dietro alle due punte Immobile e Belotti.