Italia, Mancini difende Immobile: “È sempre un titolare”

Roberto Mancini ha parlato alla vigilia della sfida contro la Lituania ed è intervenuto in merito alle critiche a Immobile

Ciro Immobile e Roberto Mancini
Ciro Immobile e Roberto Mancini © Getty Images

Domani sera l’Italia è pronta a scendere in campo a Reggio Emilia contro la Lituania per conquistare l’accesso ai Mondiali in Qatar. In seguito al pareggio di domenica sera contro la Svizzera, la preoccupazione ha preso piede ma il CT Roberto Mancini è intervenuto per mantenere la calma e spazzare via ogni tipo di perplessità. Ecco le parole dell’allenatore campione d’Europa: “I tifosi sono agitati? E’ giusto che lo siano, sono tifosi. Noi siamo tranquilli, ci dispiace solo di avere perso quattro punti che non era giusto perdere. Ma un po’di sorte ci ha aiutato durante l’Europeo e ora invece ci ha sfavorito. Sappiamo di dover vincere le prossime tre. Intanto noi ci crediamo”.

LEGGI ANCHE>>>Il Milan ci prova: scambio con la Juve già a gennaio e niente addio a zero

LEGGI ANCHE>>>Ha annunciato l’addio a parametro zero: il Milan sfida Inter e Roma!

Italia, Mancini sul turnover e sulle critiche a Immobile

Immobile Italia
Ciro Immobile © Getty Images

Roberto Mancini si è anche focalizzato Ciro Immobile, spesso identificato dalla stampa e dai tifosi come uno dei colpevoli o capri espiatori: “Mi sembra di essere tornati a Mario Balotelli. Io non ho alcun problema con Ciro, all’Europeo è stato sempre titolare. Ha segnato, non ha segnato, ha colpito un incrocio. Ci sono momenti e momenti, nel calcio. Non vedo problemi. Lui ha sempre fatto gol, magari al Mondiale ne farà 8 e vinceremo il titolo”. 

LEGGI ANCHE>>>Ricorso Napoli-Juventus: la sentenza ufficiale su Victor Osimhen

Focus anche sul turnover sul quale Mancini si è espresso così: Barella ha giocato due partite ed è anche diffidato. In generale la condizione conta. Sensi? Ha avuto un problema fisico a inizio settimana e l’avevamo messo un po’ in disparte, ora invece sta bene. Bernardeschi può essere che giochi, è un giocatore fresco. I ragazzi psicologicamente devono sentirsi benissimo, perché abbiamo vinto l’Europeo: devono giocare tranquilli e ricordarsi chi sono. Abbiamo tante soluzioni e tre partite da giocare: se le vinciamo tutte e tre siamo al Mondiale”.