Ritorno di fiamma se salta Vlahovic: la Juve prova lo scambio

Dusan Vlahovic è la priorità della Juventus per l’attacco. Ma per il serbo c’è grande concorrenza e così i bianconeri potrebbero tornare su un vecchio obiettivo

Non ci sono dubbi: Dusan Vlahovic è l’obiettivo numero della Juventus per rafforzare un attacco fin troppo dipendente dagli umori di Paulo Dybala. Di più, il serbo è l’assoluta priorità del prossimo calciomercato di gennaio. I bianconeri si stanno già muovendo, ma per un assalto deciso dovranno piazzarne un paio: Kulusevski sicuro, la cui valutazione è di 35 milioni di euro. Poi magari uno tra Ramsey, col quale si tratta la risoluzione, e Rabiot finito nel mirino del Chelsea.

Dusan Vlahovic ©LaPresse

Vlahovic piace a tanti grandi club europei, senz’altro più pronti della Juve ad accontentare le richieste della Fiorentina di Commisso: almeno 60 milioni di euro. Fra questi il Tottenham degli ex Conte e Paratici. Se il numero 9 viola diventasse imprendibile, ovvero andasse altrove Cherubini e soci tornerebbero a giugno su un vecchio (ma non troppo) obiettivo: Gabriel Jesus. Il brasiliano è da tempo potenzialmente in uscita, con il probabile ritorno all’assalto di Kane da parte del Manchester City lo sarebbe ancor di più. L’ex Palmeiras è in scadenza nel 2023 e ha un ingaggio da 6 milioni netti. I ‘Citizens’ chiedono 50-60 milioni, cifra che mai e poi mai la Juve spenderebbe.

La proposta della società presieduta da Andrea Agnelli, quindi, potrebbe prevedere lo scambio con uno dei giocatori non intoccabili per Allegri, nello specifico con Rodrigo Bentancur legato a ‘La Vecchia Signora’ fino al 2024.

LEGGI ANCHE >>> CMNEWS | L’Inter prova a trattenere Perisic: l’offerta di rinnovo

Calciomercato Juventus, ritorno di fiamma per Gabriel Jesus: Bentancur sul tavolo

Gabriel Jesus ©LaPresse

Il 24enne uruguagio sarebbe molto gradito a Pep Guardiola, per questo la proposta potrebbe avere una risposta positiva. Non dimentichiamo poi che tra i due club i rapporti sono eccellenti. Lo scambio sarebbe alla pari, sui 55 milioni con plusvalenze annesse.

A.R.