Inter, espulsione al Bernabeu: Barella esce allo scoperto

Barella torna sull’espulsione ricevuta al Bernabeu contro il Real Madrid ma parla anche di Nazionale 

L’espulsione di Nicolò Barella contro il Real Madrid pesa parecchio nel cammino in Champions dell’Inter. Il centrocampista nerazzurro salterà sicuramente la partita d’andata degli ottavi di finale contro l’avversaria che l’Inter scoprirà lunedì nei sorteggi.

espulsione Barella
Barella ©Getty Images

Il campione d’Europa ha parlato ai microfoni di ‘Sky Sport’ proprio dell’espulsione: “Mi dispiace perché, rivedendolo, è una scena che non mi piace. E’ stata una brutta reazione, anche Militao ha sbagliato a spingermi contro i cartelloni. Potevamo evitare entrambi, io ho sbagliato a cadere in un tranello; chiedo scusa a tutti perché ho lasciato in dieci la squadra in una gara importante. La partita col Real comunque ci lascia consapevolezza, siamo andati a Madrid a fare la partita e siamo stati condannati dagli episodi come il mio gol sbagliato davanti alla porta. Ci rimane la consapevolezza per il futuro”.

Inter, Barella elogia Inzaghi: “Più sereni dopo gli anni di Conte”

Barella su Inzaghi
Simone Inzaghi ©Getty Images

Barella ha anche parlato delle differenze tra gli anni di Conte e il nuovo ciclo di Simone Inzaghi: “Ciò che abbiamo vissuto l’anno scorso ci dà tanta consapevolezza, abbiamo uno scudetto sul petto, abbiamo imparato dai nostri errori. Poi il mister Inzaghi ci ha dato un qualcosa in più, magari più serenità, probabilmente quello ci ha aiutato dopo due anni intensi e difficili che ci hanno dato tante soddisfazioni”.

LEGGI ANCHE>>>Calciomercato Juventus, doppio colpo in Serie A: 50 milioni!

Anche in merito al rinnovo, siglato un mese fa, il centrocampista sardo ha espresso la sua soddisfazione: “L’Inter mi ha sempre dimostrato fiducia anche prima del rinnovo, sono felice di aver trovato l’accordo. Spero siano contenti anche i tifosi di questa mia scelta, ringrazio loro e la società che mi hanno sempre appoggiato”.  Accenno anche al possibile ruolo da futuro capitano: Non penso alla fascia, ci sono Handanovic e Ranocchia che devono godersi il loro momento”. Infine sulla Nazionale va deciso: Siamo campioni d’Europa, quindi anche gli altri dovrebbero preoccuparsi.  Proveremo ad andare ai Mondiali attraverso gli spareggi: sono convinto che ce la faremo”.