Milan sotto attacco, l’accusa è pesante: “Da mai dire gol”

Il Milan si fa scavalcare dall’Inter al primo posto in classifica, complice il pareggio contro l’Udinese: l’analisi del giornalista

Il Milan perde il primo posto in classifica. Il passo falso a Udine e la vittoria schiacciante dell’Inter di ieri sera contro il Cagliari hanno cambiato lo scenario della Serie A. Adesso i rossoneri, già fuori dall’Europa, sono anche costretti a inseguire i cugini nerazzurri e qualche difficoltà sta venendo a galla.

Udinese Milan Beto e Tomori
Beto e Tomori ©LaPresse

LEGGI ANCHE>>>Calciomercato Juventus, l’agente lo offre | Cherubini pensa allo scambio

Le tante assenze come quelle di Leao e Rebic hanno pesato, soprattutto in attacco ma le lacune più gravi si sono viste in difesa. Il gol di Beto deriva da una disattenzione difensiva piuttosto anomala per una squadra compatta come il Milan. L’assenza, ormai fino a fine stagione, di un giocatore esperto come Kjaer si sta facendo sentire. In particolare, in merito al gol subito dal Milan contro l’Udinese, si è espresso il giornalista Franco Ordine al ‘Corriere dello Sport’, soffermandosi proprio sull’assenza di un leader difensivo come Kjaer.

Milan, lacune in difesa: “Quanto manca Kjaer”

Kjaer
Kjaer ©Getty images

Ecco le parole di Franco Ordine: “Milan, quanto manca Kjaer! Gol subito a Udine degno di Mai dire Gol. Basti un particolare a certificarne la conferma: nella precedente stagione, prima dell’arrivo di Tomori a gennaio, Kjaer ha diretto con maestria il suo reparto e ha avuto al suo fianco non solo Romagnoli ma anche Gabbia e Kalulu addirittura senza che i due sfigurassero”.

Non è, quindi, escluso che il Milan possa intervenire sul mercato nella finestra di gennaio per sopperire all’assenza di Kjaer. Paolo Maldini sta monitorando le possibili occasioni in difesa ma rimane un’opzione anche il ritorno di Mattia Caldara, in prestito al Venezia. Il classe ’94 sta finalmente trovando continuità dopo i numerosi infortuni che lo hanno perseguitato negli ultimi anni. Già 14 presenze e un gol con il club veneto. Un’opzione che i rossoneri tengono in considerazione, oltre ad eventuali colpi di mercato.