Calciomercato, Insigne tentato dal Toronto | Il consiglio di Giovinco

Sebastian Giovinco intervine sul possibile trasferimento di Lorenzo Insigne in America

La storia d’amore tra Lorenzo Insigne e il Napoli potrebbe essere davvero giunta ai titoli di coda. Il capitano azzurro potrebbe accettare l’offerta faraonica del Toronto e trasferirsi in America. La trattativa è in corso anche se per gennaio appare piuttosto complicata, ma per giugno potrebbe davvero concretizzarsi.

Insigne Toronto
Lorenzo Insigne ©Getty images

La proposta del Toronto sarebbe un contratto di 5 anni con un ingaggio di 11,5 milioni di euro + 4,5 di bonus. Uno stipendio da capogiro che sta facendo vacillare anche una bandiera come Insigne. In merito alla situazione del campione d’Europa è intervenuto a ‘Sky Sport’ Sebastian Giovinco che ha vestito proprio la maglia del Toronto dal 2015 al 2019. L’ex Juventus ha parlato del calcio in MLS e della scelta di vita che ha fatto, in relazione a quella che potrebbe fare il capitano del Napoli.

Giovinco su Insigne: “Il treno passa una volta sola”

“La scelta che ho fatto la rifarei, in quel momento ero ai margini della Juventus e mi è arrivata una super offerta, anche se le tasse in America sono molto alte, di conseguenza lo stipendio si è molto ridimensionato”. Giovinco ha poi proseguito: “Insigne è in una situazione diversa dalla mia perché è il capitano del Napoli e uno dei protagonisti della Nazionale. Non è detto che andando in America esca dal giro, Mancini lo considera un perno”.

Giovinco su Insigne al Toronto
Sebastian Giovinco ©Getty images

LEGGI ANCHE>>>CMNEWS | Calciomercato Roma, Calafiori via in prestito: i dettagli

Sebastian ha poi esaltato Toronto: “Toronto è una bellissima città, si vive benissimo, le strutture sono ottime e i tifosi vivono con gioia e divertimento il calcio, senza l’ossessione del risultato, cosa che invece è forte in Italia. Di conseguenza c’è meno pressione. Certamente il calcio vero è un altro ma il treno passa una volta sola e i soldi fanno comodo, inutile prendersi in giro”.