Esplode la bomba Ronaldo: trattativa avviata in Serie A

Un club di Serie A avrebbe avviato la trattativa per riportare Cristiano Ronaldo nel massimo campionato italiano, dopo l’addio alla Juventus

Cristiano Ronaldo continua a far sognare. Sì, perché nella stagione da poco terminata ha realizzato 24 gol e 3 assist in 37 partite totali tra Premier League e Champions con la maglia del Manchester United. A dimostrazione di come, all’età di 37 anni (compiuti lo scorso 5 febbraio), sia ancora un calciatore integro fisicamente e assolutamente decisivo. Il fuoriclasse portoghese ne è ben consapevole, per questo desidera recitare ancora un ruolo da protagonista nel calcio che conta.

Ronaldo Roma Manchester United
Ronaldo © LaPresse

Ecco che l’addio ai ‘Red Devils’ diventa un’ipotesi senza dubbio concreta, forse anche più probabile di quanto pensiamo. I numeri sopra citati non ingannino: CR7 ha vissuto un’annata altalenante e si aspettava ben altro dal ritorno nel club che lo ha fatto diventare un campione. Invece lui e i suoi compagni non sono riusciti neanche a qualificarsi alla prossima edizione della Coppa dalle grandi orecchie. Oltre allo stato d’animo dell’attaccante, c’è da considerare ovviamente la variabile ten Hag. L’allenatore ex Ajax, infatti, pare non ritenga centrale nel nuovo progetto il fenomeno di Madeira. Se Ronaldo dovesse davvero lasciare Manchester (scenario che prende corpo sempre di più), un’opzione realistica sarebbe anche la Roma del connazionale (nonché ex tecnico al Real Madrid) Jose Mourinho.

Roma, da sogno a realtà: trattativa avviata per Ronaldo

Ronaldo Manchester United Roma
Ronaldo © LaPresse

E c’è di più. Stando a quanto riferisce il quotidiano ‘Leggo’, i giallorossi – trascinati dall’entusiasmo generato dalla vittoria della Conference – avrebbero avviato la trattativa per riportare in Italia il classe ’85. La regia dell’operazione porta la firma di Jorge Mendes, procuratore sia di Ronaldo che dello Special One. Il fenomeno starebbe seriamente valutando tale opportunità, visto che le grandi compagini europee non sembrano più interessate a lui (vedi il che ha City ha preso Haaland o il PSG che è riuscito a trattenere Mbappe). Entro il 30 giugno, inoltre, il calciatore avrebbe un vantaggio fiscale, che gli permetterebbe di pagare solo 100mila euro di tasse per i redditi provenienti da attività all’estero.

Non mancano gli ostacoli ad un affare che comunque appare assai complicato. A cominciare dal maxi ingaggio da 23 milioni di euro netti, per il quale i capitolini non potrebbero avvalersi del Decreto Crescita, ma su questo aiuterebbero gli sponsor. In più la Roma non giocherà la Champions il prossimo anno, al contrario dello Sporting Club de Portugal, l’altra pista per il futuro di Ronaldo. La famiglia, poi, preferirebbe tornare in patria, prima che CR7 chiuda la propria strabiliante carriera in MLS. Nonostante ciò, i Friedkin pare siano intenzionati a provarci davvero, tanto che la quota dei bookmakers riguardante il trasferimento del campione portoghese al club giallorosso è crollata negli ultimi giorni.