Calciomercato Milan, doppio attacco | “Non c’è più rispetto”

Gianmarco Tognazzi commenta il doppio addio di Donnarumma e Calhanoglu al Milan: l’attore chiede rispetto e manda un messaggio ai due ex rossoneri

Gianmarco Tognazzi
Gianmarco Tognazzi – Getty Images ©

Il Milan è tra le squadre più attive in queste prime settimane di calciomercato. I tifosi rossoneri – dopo aver accolto Maignan e ricevuto la notizia del riscatto di Tomori – hanno subito un doppio addio doloroso: Calhanoglu ha firmato con l’Inter, mentre per Donnarumma al Psg sembra mancare solo l’ufficialità. I giocatori, entrambi in scadenza di contratto, non hanno trovato l’accordo per il rinnovo e sono andati a via a parametro zero.

LEGGI ANCHE >>> Calciomercato Milan, un portoghese a centrocampo | Idea di scambio

Una situazione che ha lasciato l’amaro in bocca ai tifosi. Gianmarco Tognazzi, a ‘Sky Sport’, è tornato sull’addio di Calhanoglu: “Al Milan ci sono dei rinforzi che vanno aumentati. Bisogna sostituire un turco di cui non ricordo il nome: ricordo i nomi delle persone che sanno comportarsi in maniera corretta. Questa è la deformazione dei tempi, dove i valori si sono totalmente persi“.

LEGGI ANCHE >>> Calciomercato Milan, sfuma l’obiettivo | Beffa dalla Premier 

L’attore ha poi aggiunto: “Non deve mancare però mai il rispetto: il problema non è perdere dei giocatori, ma le scelte andrebbero fatte con rispetto della tifoseria e della squadra che ti ha tenuto anche nei momenti in cui non hai reso come ci si aspettava“. Tognazzi ha poi commentato duramente anche l’addio di Donnarumma: “Sembra che il portiere abbia già firmato con il Psg. Bene, allora sarebbe pregato di levare dai social la foto con scritto ‘AC Milan’ per una questione di rispetto. Ognuno può fare le scelte che vuole, ma non bisogna provocare“.

Gianluigi Donarumma © Getty images

Milan, duro attacco di Tognazzi a Calhanoglu

Un addio doloroso che lascia anche dei rimpianti: “E’ una situazione brutta – dice Tognazzi – “ha perso l’occasione di diventare una bandiera e simbolo di generazioni. Ha fatto una scelta, deve avere il tatto – ma non l’ha avuto – di comportarsi in maniera diversa nei confronti dei tifosi rossoneri e della società“.