Milan, dal sogno scudetto all’aneddoto con Ibrahimovic: parla Tomori

Una grande intuizione di mercato e una garanzia per Pioli: Tomori parla del suo arrivo al Milan, tra obiettivi e un rapporto speciale con Ibrahimovic

tomori
tomori © Getty Images

Il Milan ha iniziato con il piede giusto la stagione. La squadra di Pioli è giunta alla sosta come seconda forza del campionato, a soli due punti dal Napoli capolista. Il successo contro l’Atalanta nell’ultima giornata ha certificato la bontà del progetto rossonero, nell’anno del ritorno in Champions League. Tra i protagonisti della rosa c’è anche Fikayo Tomori, riscattato dal Chelsea e perno della difesa.

LEGGI ANCHE >>> Il PSG gioca d’anticipo per il bomber: intreccio con Juve e Milan

Il giocatore ha riconquistato anche la maglia della nazionale ed è tra i convocati dell’Inghilterra per le partite contro Andorra ed Ungheria, entrambe valevoli per le qualificazioni a Qatar 2022. Tomori ha parlato in conferenza stampa, spendendo parole di ringraziamento nei confronti del Milan: “Tutti conoscono la grandezza di questo club. Sento il peso della maglia e questa pressione mi fa tirare fuori il meglio“.

Post Ibra Belotti
Zlatan Ibrahimovic ©Getty Images

Milan, le parole di Tomori su Ibrahimovic

Sette presenze su sette in campionato e la voglia di fare bene anche in questa stagione: “Mi sto divertendo, stiamo andando bene in tutte le competizioni. Possiamo rimanere in alto. Voglio impressionare Maldini: avere una leggenda come lui è sicuramente una bella cosa ed un grande aiuto”. Tomori fa dell’aggressività uno dei punti di forza, ma il primo cartellino giallo lo ha preso solo contro l’Atalanta.

LEGGI ANCHE >>> Kessié in anticipo: lo scambio per convincere il Milan 

Il difensore ha chiuso poi l’intervista con un pensiero su Zlatan Ibrahimovic, da poco 40enne: “Mi ha dato una grande mano, soprattutto con la lingua. Incoraggia tutti, è un vero leader“. Infine racconta un aneddoto: “Mi ricordo che abbiamo fatto una partita di foot-golf e io ero nella sua squadra. Ogni volta mi ripetevo: “devo essere sicuro di essere al meglio”.