Inter, Barella si racconta: “Ecco i miei idoli e il gol più bello”

Il centrocampista dell’Inter, Nicolò Barella, ha risposto ad alcune domande dei tifosi sui canali social del club nerazzurro

Inter Barella
Barella © Getty Images

Barella sta entrando di diritto nell’elite del calcio mondiale. Da anni a un livello top in Europa con la maglia dell’Inter, il centrocampista sardo è reduce dal gol rifilato al Belgio con l’Italia che ha contribuito alla conquista del terzo posto della Nations League. Dopo il successo con la Nazionale, l’ex Cagliari torna a concentrarsi sul campionato con la ‘Beneamata’, con il big match contro la Lazio all’orizzonte. Nel frattempo, ha risposto a qualche domanda dei tifosi tramite le Instagram Stories dei nerazzurri: “Il numero 23? Ho sempre indossato il 18, ma quando sono arrivato all’Inter c’era Asamoah, quindi ho dovuto cambiare e ho scelto il 23, perché è quello del mio idolo Lebron James“:

Stankovic era uno dei miei idoli – rivela Barella -, mi è sempre piaciuto come giocatore. Cerco sempre di prendere il meglio da lui e fare bene come ha fatto lui con l’Inter”.

LEGGI ANCHE>>> Inter, anticipo di Marotta: beffa Napoli per gennaio

Inter Barella
Barella © Getty Images

Inter, Barella: “Io e Brozovic due persone vere. Il mio gol più bello è quello con la Fiorentina”

Un commento sul rapporto speciale con Brozovic e sullo spogliatoio: “Il nostro rapporto è nato in maniera naturale. Siamo due persone dirette, vere, quindi ci piace stare insieme, ridere, scherzare  e divertirci. Il compagno di squadra più simpatico? Abbiamo uno spogliatoio con tanta gente simpatica. Dimarco ci sta dentro alla grande, sono contento che sia tornato”.

Per rimanere aggiornati e commentare con noi tutte le notizie di mercato, di calcio italiano ed estero, seguiteci sui nostri profili FACEBOOK, TWITTER e INSTAGRAM!

LEGGI ANCHE>>> Inter, arriva subito in attacco: due sacrificati nell’affare

Inter Barella
Barella © Getty Images

Infine, il gol più bello in carriera: “È quello con la Fiorentina in Coppa Italia (29 gennaio 2020, ndr), perché era il più complicato per coordinazione, sono felice che la palla sia andata all’angolino”.