Roma-Zorya, Mourinho non si nasconde: l’annuncio su Zaniolo

Il tecnico della Roma Josè Mourinho ha parlato in conferenza stampa alla vigilia del match di Conference League

Dopo aver conquistato tre punti contro il Genoa in Serie A, per la Roma guidata dallo ‘Special One’ proverà a ripetersi in Conference League contro lo Zorya. Si comincia dalla gara di domani, una partita da dentro o fuori: “È semplice, se domani vinciamo siamo dentro, se perdiamo siamo fuori. Il pareggio lascerebbe tutto ancora nelle nostre mani, per noi domani sarà una finale. Lo Zorya è un’avversario sconosciuto, abbiamo visto tutte le loro partite e sappiamo come giocano. Non si vince senza rispettarli”.

LEGGI ANCHE >>>Genoa-Roma 0-2: una doppietta del baby Afena-Gyan fa volare Mourinho

Roma Zorya Mourinho
Mourinho ©LaPresse

L’allenatore portoghese parla di Rui Patricio: “Se giocherà sempre lui? Sì. Ho totale fiducia in Fuzato, che sta lavorando benissimo, qualora dovesse giocare ma domani ci sarà Rui“. Si passa ad Abraham: “Sono felice di ciò che sta facendo, lavora molto per la squadra. Prima o poi arriveranno più gol da lui, non è un problema.L’infortunio l’ha limitato ma domani giocherà lui e anche Zaniolo“.

LEGGI ANCHE >>>Proposta dalla Spagna, lo scambio manda ko Milan e Roma

Per rimanere aggiornati e commentare con noi tutte le notizie di mercato, di calcio italiano ed estero, seguiteci sui nostri profili FACEBOOK, TWITTER e INSTAGRAM!

Roma-Zorya, Mourinho: “Non mi aspetto nulla da Zaniolo”

Zaniolo Roma
Zaniolo ©LaPresse

Proprio sul talentuoso trequartista, Mourinho è uscito allo scoperto: “Cosa mi aspetto da Zaniolo? Nulla, mi aspetto tutto dalla squadra. Dobbiamo fare il massimo per vincere”.

Per tutte le ultime notizie di giornata CLICCA QUI!

Chiusura sulla difesa a tre e su El Shaarawy: “Un conto è giocare a tre, un altro a cinque e a me non piace giocare a cinque. La rosa non è costruita per giocare a tre, abbiamo usato un altro modulo a causa dell’emergenza. Domani in campo ci sarà Veretout”.

Mourinho Roma
Mourinho ©LaPresse

L’elogio, infine, per El Shaarawy: “Dopo la cina ha avuto alti e bassi, pensavo fosse diverso ma ha avuto un’evoluzione e adesso gioca gare intere dove salva anche i gol come a Genova. È un El Shaarawy che non conoscevo, sto imparando dai miei calciatori”.