Alex Sandro non convince, Allegri ha una priorità: nuovo assalto

La disastrosa prestazione messa in campo dal brasiliano contro il Barcellona ha convinto Allegri a guardarsi intorno: assalto in Bundesliga

Dopo aver passato buona parte dell’estate a lanciare l’allarme sul problema ‘fascia sinistra’ – tanti i nomi associati al club bianconero, da Renan Lodi a Tagliafico per finire con Kurzawa – l’ambiente juventino sembrava aver deciso di dare ancora fiducia ad Alex Sandro, il veterano già alfiere della prima Juve di Max Allegri.

Massimiliano Allegri perplesso
Massimiliano Allegri © LaPresse

Già, sembrava. Perchè al primo vero banco di prova – sebbene si stia parlando pur sempre di calcio d’estate – l’ex Porto si è sciolto come neve al sole. Soprattutto nel primo tempo dell’incontto svoltosi la scorsa notte contro il Barcellona, il brasiliano ha visto letteralmente le streghe contro Ousmane Dembelé. Che, ironia della sorte, avrebbe potuto essere un compagno di squadra del giocatore, se l’assalto bianconero fosse andato a buon fine. Il francese ha letteralmente travolto l’esterno juventino, riproponendo in essere il vecchio problema: bisogna tornare sul mercato per la fascia sinistra? La risposta pare affermativa.

Alex Sandro flop, Allegri guarda in Germania

Alex Sandro in azione
Alex Sandro © LaPresse

Dando seguito ad indiscrezioni già circolate nei giorni scorsi, la dirigenza dela Vecchia Signora starebbe preparando l’assalto a Borna Sosa, 24enne croato in forza allo Stoccarda e già nel mirino del Manchester City. Il prezzo non è certo tra i più accessibili – ci vogliono almeno 25-30 milioni per portare a casa il giocatore – ma l’investimento garantirebbe ai bianconeri un calciatore giovane ma già affidabile. E con ampi margini di miglioramento.

I nodi per la possibile riuscita dell’affare, oltre al costo del cartellino, non mancano. Il primo ostacolo è rappresentato proprio dalla concorrena di Pep Guardiola. Il secondo dal fatto che in Germania siamo ormai alle porte dell’inizio della nuova stagione. E sembra complicato intavolare ora un discorso con lo Stoccarda. Per ultimo, ci sarebbe anche la volontà del calciatore. Che certamente preferirebbe la Juve al club tedesco, ma che potrebbe anche spingere per una permanenza in Germania per un altro anno per poi offrirsi definitivamente al ‘Dream Team’ britannico guidato dal tecnico catalano.