Accordo e firma: sessanta milioni per il Milan

Ottime notizie per il club rossonero: dalle sponsorizzazioni è in arrivo un tesoretto da reinvestire sul mercato

Sul campo la squadra sta assolutamente rispettando le aspettative sul proprio conto. Se si fa eccezione per la netta sconfitta patita a Stamford Bridge – dove però Stefano Pioli aveva sofferto di una lista di infortunati da record- il Milan è sempre il Milan. Con una mentalità ed un carattere che fanno invidia alle altre squadre. I tanti giovani, anche lanciati titolari, presenti in rosa stanno ripagando la fiducia del club, che da anni ha varato la politica della ‘linea verde’. Un po’ per convinzione, un po’ per necessità.

Paolo Maldini in panchina
Paolo Maldini © LaPresse

Gli effetti del Covid, del resto, si fanno ancora sentire, ma la società rossonera è riuscita, nel tempo, a limitare i danni delle conseguenze economico-finanziarie della pandemia.  Gli accordi commerciali e le sponsorizzazioni sono addirittura aumentate dal febbraio 2020 ad oggi. Il club – come riporta Calcio e Finanza, nel 2020/21 ha incassato 65 milioni dall’area commerciale. La cifra è tornata ad aumentare dopo il calo del biennio 2018-2020, dovuto soprattutto al Covid. Per il 2021/22 è atteso un nuovo aumento, verso quota 70 milioni.

Milan, altri ricavi in arrivo: ecco il tesoretto

Gerry Cardinale e Paolo Maldini a colloquio
Gerry Cardinale e Paolo Maldini © LaPresse

Il quotidiano ecomomico rende conto delle nuove sinergie della società con sede a Via Aldo Rossi. Il contratto con Puma è stato rinnovato fino al 2028 e porterà una cifra vicina ai 30 milioni a stagione, contribuendo a un’ulteriore crescita dal 2022/23.

A breve si attende poi il rinnovo con il Main sponsor Emirates. Attualmente il Milan incassa 14 milioni annui dal colosso, ma questa cifra potrebbe raddoppiare e portare quindi a quasi 60 milioni a stagione la cifra incassata dagli sponsor principali per la maglia. Una bella iniezione di liquidi che, unita all’impegno economico promesso da Gerry Cardinale e da Red Bird,  dovrebbe consentire ai rossoneri di avere più libertà d movimento anche in sede di mercato.