Asse Real-Bayern, Pioli mastica amaro: vogliono Theo Hernandez

Il clamoroso intreccio di mercato tra il club spagnolo e quello bavarese potrebbe rappresentare una beffa per il Milan di Pioli

Partito come panchinaro per poi, ironia della sorte, prendere il posto da titolare occupato in precedenza dal fratello Lucas infortunato, Theo Hernandez ha disputato un ottimo Mondiale, sfiorando il trionfo finale con la sua Francia.

Theo Hernandez esultanza
Theo Hernandez © LaPresse

Già passato, senza particolare fortuna, dalle parti di Madrid prima di diventare una colonna insostituibile del Milan di Stefano Pioli, lo stantuffo transalpino è sempre corteggiato dai top club di tutta Europa. Dopo un timido sondaggio proprio delle Merengues per quello che sarebbe stato un clamoroso ritorno, è il Bayern il club che più di tutti si era affacciato con interesse sul calciatore. Si dà il caso che, contestualmente, il club bavarese sia impegnato a difendersi dagli attacchi di Ancelotti per Alphonso Davies, ritenuto dal tecnico italiano l’erede perfetto di Ferland Mendy, destinato alla partenza. L’intreccio non porta buone notizie negli uffici di Via Aldo Rossi.

Il Bayern tenta l’accoppiata dei fratelli Hernandez, Pioli alle strette

Se l’assalto del Real al talento canadese del Bayern dovesse andare a buon fine, Salihamidzic e soci si getterebbero a capofitto su Theo. Per ricostituire l’accoppiata dei fratelli Hernandez in Baviera. La molla rappresentata dal fatto di poter militare nella stessa squadra del consanguineo, unita al blasone di un club prestigioso come quello teutonico, potrebbe essere decisiva nella stessa volontà del calciatore rossonero.

Alphonso Davies in azione
Alphonso Davies © LaPresse

Si prevedono dunque grossi guai in vista a Casa Milan. Già impegnata sul fronte del difficile rinnovo di contratto di Rafael Leao, sul quale insiste il Chelsea, la società rossonera potrebbe dover affrontare una nuova grana. Theo è felice a San Siro, ma le sirene tedesche si fanno avanti minacciose. Già col colpo de Ligt dalla Juve, il club teutonico ha dimostrato che, quando vuole, nessun giocatore è troppo caro. O irraggiungibile. Paolo Maldini dovrà dar fondo a tutte le sue abilità diplomatiche per convincere il vicecampione del mondo a sposare la causa rossonera nonostante le milionarie avances…