Inter-Napoli, Simone Inzaghi e l’aneddoto sul rigorista: “Fate voi”

Al termine della vittoriosa sfida di San Siro contro il Napoli, il tecnico dei nerazzurri Simone Inzaghi ha parlato ai microfoni di DAZN

Quando, dopo aver rivisto l’episodio del mani di Koulibaly al VAR, il direttore di gara Valeri ha concesso il rigore a favore dei nerazzurri, tutti si sono chiesti chi si sarebbe presentato sul dischetto. Quando poi a farlo, e con successo, è stato Hakan Calhanoglu, già a segno nel Derby, la domanda è ricaduta su chi avesse effettivamente fatto la scelta di far tirare il turco.

LEGGI ANCHE >>> Inter-Napoli, la sfida si sposta sul mercato: obiettivo in casa Mourinho

Per rimanere aggiornati e commentare con noi tutte le notizie di mercato, di calcio italiano ed estero, seguiteci sui nostri profili FACEBOOK, TWITTER e INSTAGRAM!

Hakan Calhanoglu sul dischetto
Hakan Calhanoglu © LaPresse

Inter-Napoli, Simone Inzaghi svela l’aneddoto sul rigorista

Simone Inzaghi dà indicazioni
Simone Inzaghi © LaPresse

“I rigoristi? Stamattina nella sgambata, Calhanoglu, Lautaro e Perisic hanno tirato 3 rigori a testa, segnando 9 gol. Ho detto: ‘Fate voi’. Sono tutti bravissimi, Hakan è in grande forma, ha dimostrato ancora una volta di avere carattere e personalità”.

LEGGI ANCHE >>> Inter-Napoli 3-2: i nerazzurri soffrono ma la spuntano

Sull’importantissima vittoria ottenuta al cospetto della capolista, Inzaghi ha detto: “Era una partita chiave per il nostro campionato. Ma ora quella più importante è fra tre giorni. Ai ragazzi l’ho nascosto, mercoledì abbiamo un’altra partita importantissima. Ho fatto i complimenti ai ragazzi, perché abbiamo battuto una squadra fortissima, tra tante difficoltà e qualche nostro errore. Abbiamo sofferto, come è giusto che sia contro una squadra forte come il Napoli”.

LEGGI ANCHE >>> Inter-Napoli, Spalletti critica Osimhen: “Deve fare delle scelte”

“Dzeko non è al meglio, Correa ha fatto una grandissima partita e ha sentito un problemino e ha chiesto il cambio. Quando poi prendi gol nel finale, diventa difficile. Venivamo da partite non vinte per un soffio, normale un po’ di timore”, ha concluso il tecnico piacentino.