Altro che ‘Scansuolo’, attacco durissimo: “Nessuno lo dice”

Il noto giornalista va all’attacco con pesanti dichiarazioni contro il tecnico, dopo l’ultimo turno di Serie A

L’ultimo turno di Serie A ha visto Inter, Juventus e Milan recuperare terreno sul Napoli, dopo il mezzo passo falso degli azzurri contro il Sassuolo. Una classifica corta che può aprire a diversi scenari per il prossimo futuro con le prime tre in soli due punti. In tal senso, per quanto riguarda l’ultima gara andata in scena a San Siro, tra Inter e Spezia, arriva il duro ed inatteso attacco del noto giornalista.

LEGGI ANCHE >>>Serie A, 15 giornata: l’Inter non si ferma più, la Roma cade a Bologna

Thiago Motta
Serie A © LaPresse

I campioni d’Italia hanno battuto la squadra ligure grazie alle reti di Gagliardini, che ha sbloccato il match ed infine Lautaro Martinez che ha chiuso i conti nella ripresa. Si tratta di Franco Ordine che, sul proprio profilo ufficiale Twitter, ha messo nel mirino l’allenatore dello Spezia Thiago Motta. L’ex centrocampista dell’Inter, reduce dal netto ko contro i campioni d’Italia per 2-0, viene quindi duramente attaccato dal giornalista che spiega così le sue parole.

LEGGI ANCHE >>>Calciomercato Inter, Marotta pesca in casa Juventus!

Thiago Motta ‘demolito’: arriva l’attacco

Thiago Motta
Thiago Motta © LaPresse

“Nessuno (tranne il Corriere dello Sport) segnala che Thiago Motta dando per persa la partita con l’Inter ha tenuto al calduccio Nzola, Antiste più Bastoni e Maggiore impiegati pochi minuti”, ha tuonato Ordine.

Per tutte le ultime notizie di giornata CLICCA QUI!

Il giornalista non ha gradito le scelte dell’allenatore dello Spezia e ha poi così concluso il suo intervento:Lo Spezia non è Scansuolo ma si avvicina parecchio”.

LEGGI ANCHE >>>Calciomercato, Conte ‘non gli parla’ ma la big è in vantaggio: Inter e Milan ko

Thiago Motta Inter Spezia
Thiago Motta © LaPresse

Un paragone, dunque, tra Sassuolo e Spezia che farà di certo discutere: l’Inter intanto si gode la vittoria, in attesa del match contro la Roma di Mourinho.