Caccia al bomber, Mihajlovic vuole il gioiello: secco ‘no’ della Juve

Grandi movimenti sull’asse Juventus-Bologna: la richiesta di Mihajlovic incontra il rifiuto di Allegri, che fa una controproposta

Già impegnata ad ufficializzare – il prossimo weekend sarà probabilmente quello giusto – il doppio arrivo di Angel di Maria e di Paul Pogba, la Juventus non dimentica le operazioni cosiddette ‘minori’: quei colpi apparentemente non importanti ma che poi possono determinare tanto nel corso di una stagione lunga ed anomala come sarà la prossima.

Milan Juventus Guerreiro
Massimiliano Allegri © LaPresse

La casella della quarta punta – anzi del vice Vlahovic, ad esser precisi – è ancora scoprta. L’abbondanza di esterni d’attacco – Chiesa, Di Maria, lo stesso Zaniolo se e quando arriverà – non copre il problema di un centravanti di scorta che possa far rifiatare il campione serbo. Gli occhi della dirigenza bianconera si sono allora da tempo rivolti in casa Bologna, dove Marko Arnautovic piace eccome. Il club felisneo è disposto a trattare, ma la prima richiesta non ha incontrato i favori della controparte juventina.

Mihajlovic vuole Fagioli, Allegri rilancia con Ranocchia

Sinisa Mihajlovic conferenza stampa
Sinisa Mihajlovic © LaPresse

Per il suo bomber il tecnico slavo avrebbe chiesto il cartellino di Nicolò Fagioli, il gioiello per il quale la Juve deve ancora decidere il futuro. La società bianconera avrebbe recapitato ai rossoblu un secco ‘no’: non se ne parla nemmeno. Dato che però non si può ignorare la pista Arnautovic, il club bianconero avrebbe rilanciato con un altro prospetto interessante. Fresco di rinnovo contrattuale dopo l’esperienza in prestito al Vicenza.

La contropartita da mettere sul piatto risponde al nome di Filippo Ranocchia, il centrocampista nativo di Perugia. Considerando il diverso valore dei due giovani, se venisse accolta l’idea Ranocchia la Juve dovrebbe aggiungere del cash per arrivare all’attaccante austriaco. A differenza di quanto sarebbe accaduto con Fagioli, il cui valore d mercato è addirittura superiore a quello dell’ex centravanti di Stoke City e Werder Brema.