Rinnovo Skriniar, c’è l’annuncio di Marotta

Nella consueta intervista prima del match di Champions, l’Ad nerazzurro Beppe Marotta ha parlato del rinnovo dello slovacco

Impegnata nella prestigiosa sfida al Bayern Monaco nella sesta ed ultima giornata del girone di Champions League, l’Inter testa le sue ambizioni in una gara che vede i due tecnici operare un ampio turnover, considerando le congelate posizioni di classifica.

Simone Inzaghi allenatore
Simone Inzaghi © LaPresse

La testa di tutto l’ambiente nerazzurro è soprattutto rivolta all’importante sfida dell’Allianz Stadium contro la Juventus. La squadra di Simone Inzaghi ha la grande occasione, oltre che di guadagare altri tre punti sui bianconeri, anche di estromettere forse definitivamente l’undici di Allegri dalla lotta scudetto. Un’altra cosa che incombe però è anche il mercato. Sia quello di gennaio che i rinnovi contrattuali di alcuni big. In special modo quelli in scadenza nel prossimo giugno e richiestissimi dai top club europei, come Milan Skriniar.

Marotta sul rinnovo di Skriniar: c’è la rivelazione

Milan Skriniar in azione
Milan Skriniar © LaPresse

Poco prima dell’incontro contro il Bayern Monaco, l’Ad nerazzurro Beppe Marotta ha parlato ai microfoni di Sky Sport, affrontando anche il tema del contratto dell’ex Sampdoria. “Il gruppo è insieme da qualche anno. La squadra è in continua crescita, prima nel campionato italiano, poi perla seconda volta qualificati agli ottavi in Champions, e questo è un fatto che testimonia la nostra crescita, della squadra e dell’allenatore. Questo consente all’Inter di tornare su un palcoscenico consono al blasone“, ha esordito.

Per quanto riguarda Skriniar sono ottimista che si possa trovare una conclusione entro l’ultima partita di campionato, quindi entro il 13 novembre. Ci sono i presupposti per dirlo. Per quanto riguarda Gosens fa parte del giro della Nazionale tedesca, si sta inserendo piano piano nei nostri meccanismi e non dobbiamo avere fretta. Il suo è un ruolo importante, siamo fiduciosi che possa entrare sempre meglio nel gioco della squadra“, ha concluso il dirigente.