Inter-Juventus, il retroscena di Marotta | Ci ha provato fino all’ultimo

Nel giorno della supersfida di San Siro tra Inter e Juventus, spunta un retroscena legato alla scorsa sessione di calciomercato che coinvolge l’ad dei nerazzurri

La storia della rivalità tra Inter e Juve è anche uno sterminato romanzo di intrecci, dispetti e retroscena. Proprio nella scorsa estate, quando ad un certo punto entrambe le panchine delle due squadre erano vacanti, c’è stato un tentativo last minute che se fosse andato a buon fine avrebbe sconvolto la geografia e il disegno tecnico dei due club.

LEGGI ANCHE>>> Sorpresa Juventus: spunta un nuovo nome se salta Allegri

Per rimanere aggiornati e commentare con noi tutte le notizie di mercato, di calcio italiano ed estero, seguiteci sui nostri profili FACEBOOKTWITTER e INSTAGRAM!

Inter, Inzaghi vuole Villar
Simone Inzaghi © Getty images

La storia poi ha consegnato sulla panchina dei nerazzurri Simone Inzaghi, mentre su quella dei bianconeri si è registrato il ritorno di Max Allegri, già protagonista di un quinquennio ricordato per i cinque scudetti consecutivi e per due finali di Champions League.

Marotta-Allegri, il dirigente ha provato a portare il tecnico all’Inter

Inter Juventus Allegri
Allegri © Getty images

Proprio poche ore prima dell’annuncio ufficiale del ritorno del tecnico toscano alla Continassa, l’abile Marotta avrebbe incontrato Allegri a cena per convincerlo ad accettare l’offerta dell’Inter. Il disperato assalto, come noto, non andò a buon fine: l’ex allenatore del Milan aveva già deciso di tuffarsi nella sua seconda esperienza juvetntina.

LEGGI ANCHE>>> Il big saluta l’Inter in estate: ‘acconto’ immediato da Madrid

La stima del mentore di Fabio Paratici per un tecnico col quale aveva condiviso anni di successi era già nota: finora non era però mai emerso che la volontà di portarlo ad Appiano fosse ritenuta prioritaria dai vertici nerazzurri. Il mercato ha poi consegnato ai meneghini Simone Inzaghi, che stasera sarà chiamato a vincere la sfida contro il collega che avrebbe potuto prendere il suo posto alla guida della Beneamata.